Lunedì, 24 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Chi è Luca Salsi, età, moglie, vita privata, figli e malore: tutto sul baritono di Macbeth

Ecco chi è Luca Salsi, il baritono più famoso del mondo pronto ad aprire la Stagione 2021/2022 del Teatro alla Scala di Milano con l'opera Macbeth di Giuseppe Verdi

07 Dicembre 2021

Chi è Luca Salsi: età, moglie, malore, vita privata, figli

Fonte: Instagram

Luca Salsi è un famosissimo baritono italiano che si è distinto nella sua carriera soprattutto per il repertorio verdiano: ecco tutto su di lui, dalla vita privata alla carriera al malore che lo aveva fermato nel 2020. Stasera 7 dicembre si esibirà alla Prima della Scala, nella serata che apre dunque la stagione 2021/2022 del Teatro d'Opera più prestigioso d'Italia. L'evento culturale più importante dell'anno vedrà protagonisti il direttore d'orchestra Riccardo Chailly, il regista Davide Livermore, e le grandi voci di Luca Salsi che interpreta il protagonista Macbeth, Anna Netrebko, Francesco Meli e Ildar Abdrazakov. In scena l'opera Macbeth di uno dei più grandi compositori di tutti i tempi: Giuseppe Verdi.

Chi è Luca Salsi: età, biografia e carriera

Luca Salsi ha 46 anni ed è nato a San Secondo Parmense il 19 marzo 1975. È uno dei baritoni più importanti al mondo grazie alla sua voce penetrante ed emozionante. Nasce a Parma e si forma in Italia, si diploma al Conservatorio Arrigo Boito di Parma e debuttato nel 1997 al Teatro Comunale di Bologna calcando infine palcoscenici importanti nel mondo come il Metropolitan di New York, il Teatro alla Scala, la Royal Opera House di Londra.

Nella stagione 2012-2013 debutta al Liceu di Barcellona ne “La forza del destino” come Don Carlo, seguito da altri ruoli importanti come Macbeth. A ottobre 2017 debutta nella “Tosca” nel ruolo di Scarpia al Teatro dell’Opera di Roma. È stato scelto da Riccardo Chailly per interpretare il ruolo di Carlo Gérard nell'Andrea Chénier della Stagione 2017-2018 del Teatro alla Scala e successivamente sempre per il ruolo di Scarpia, nella “Tosca” per la stagione 2019-2020 dello stesso teatro.

Negli ultimi tempi ha creato polemica parlando del trattamento degli artisti di scena in questo periodo di crisi a causa del Covid-19. “In altri Paesi, come Francia e Germania, sono state pensate forme di indennizzo e di sostegno economico per cantanti, musicisti, tecnici dello spettacolo: in Italia ci siamo ritrovati decisamente abbandonati”. E continua: “Nessun altro ha prodotto più arte, musica, spettacolo: basta girare i teatri del mondo per capire l’ammirazione e fascinazione che la cultura italiana suscita ovunque”.

Chi è Luca Salsi: malore

Il 6 luglio 2020 Luca Salsi ha avuto un improvviso malore improvviso per la prima serata alla Scala. Difatti il baritono ha avuto un malore subito dopo le prove dello spettacolo nel pomeriggio e non ha quindi potuto esibirsi. Il tutto è stato annunciato dal palco ai 600 spettatori già muniti di mascherina e distanziati.

Luca Salsi, vita privata: moglie e figli

Luca Salsi ama profondamente la musica e il suo modello di riferimento nel suo lavoro è il baritono Carlo Tagliabue. Lo stima a tal punto da aver chiamato il suo secondo figlio Carlo, mentre il primo figlio si chiama Ettore, pensando a Ettore Bastianini. Non si sa molto della sua vita privata.

In un’intervista con operalife.it ha dichiarato: “Venite a teatro per emozionarvi, ridere, a piangere, a pensare, perché il teatro è vita. Per quelli che vengono magari per curiosità e per la prima volta l’unica cosa che posso dire è conoscere ed informarsi bene un poco prima, almeno conoscere un po’ la storia di quello che si sta andando a vedere, in modo da poterne essere coinvolto. Se vieni a vedere Macbeth, ma non hai proprio idea di cosa vai a vedere, magari dici bella ma però…Invece se conosci già un po’ la storia, ti fai coinvolgere, ti fai emozionare a vedere l’interprete che sta lì. E’ sempre bello scoprire, come quando vai al cinema che magari ci si va per dire “vediamo se mi piace, se è bello o brutto”, vai all’opera e magari dici “è bella o brutta” però se ti piace continui!”.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x