Domenica, 16 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Terence Hill lascia Don Matteo, la commozione dell'ultimo ciak prima di passare il testimone a Don Massimo

Gli autori della serie a Il Giornale d'Italia: "Terence uomo dalla presenza irripetibile, con il suo addio anche la serie si evolverà"

21 Settembre 2021

Don Matteo

Terence Hill lascia Don Matteo, la storica serie di Rai Fiction prodotta da Luca e Matilde Bernabei che per oltre 20 anni ha accompagnato i telespettatori italiani. Dopo 13 stagioni e oltre 250 episodi, Mario Girotti (questo il vero nome dell'attore), si è commosso sul set e saluta con gratitudine la città di Spoleto, che ha ospitato la maggior parte degli episodi. L'addio di Terence Hill alla tonaca sacerdotale e all'amata bicicletta potrebbe essere un vero grattacapo per gli autori, che si preparano a creare una nuova stagione senza la loro punta di diamante. Ma come racconta a Il Giornale d'Italia uno degli scrittori di moltissimi episodi della serie: "Siamo molto grati a Terence per quello che ci ha dato. Ma adesso è arrivato per lui il tempo di dedicarsi alla sua famiglia e iniziare un nuovo capitolo". Il testimone ora passa a Raoul Bova, che sarà il nuovo protagonista dell'acclamata serie tv. Con sorprese in vista nei nuovi episodi, attualmente ancora in fase di scrittura.

Terence Hill lascia Don Matteo, l'ultimo ciak del prete in Graziella

Poche serie sono entrate nel cuore degli italiani come "Don Matteo", la fiction prodotta da Luca e Matilde Bernabei in collaborazione con Rai Fiction. Ma tutte le cose belle hanno una fine e per Terence Hill è arrivato il momento di abbandonare la tonaca. Sono passati oltre 20 anni dalla messa in onda della prima puntata e da allora gli italiani si sono affezionati al personaggio di Don Matteo. Per la precisione si tratta di "22 anni, 13 stagioni e 259 episodi". A ricordarlo è lo stesso Terence Hill, 82 anni, che sui suoi account social sancisce così la fine della sua avventura sul set della serie. Nei giorni scorsi ha finito di girare l'ultima puntata nella celebre chiesa di Santa Eufemia a Spoleto, abbandonando le vesti del parroco più saggio e simpatico di sempre.

Il rumor dell'addio del personaggio circolava già da qualche settimana tra i membri della troupe, e la conferma arriva dal produttore Luca Bernabei: "È vero, Terence ci lascia – ha affermato dopo l'ultimo ciak - ma vogliamo interpretare questa frase non in senso negativo ma anche e soprattutto in senso positivo. Vogliamo pensare all’eredità che Terence ci lascia in termini appunto di dedizione, fedeltà e soprattutto di amore per 'Don Matteo' e per tutti i telespettatori che in questi 20 anni ci hanno seguito. Oggi dobbiamo essere all’altezza del mito che non ci lascia ma come un padre ci guarda da lontano e ci osserva crescere. Consapevoli dell’eredità di Terence, abbiamo il dovere di impegnarci ancora di più e di portarla avanti con la massima dedizione e responsabilità. Lo dobbiamo ai milioni di italiani che guardano la serie e a Terence. A lui vogliamo dire ancora una volta...Grazie Terence Hill!".

Ringraziamenti anche da Lux Vide e Rai Fiction, che descrivono il "mito" Terence Hill come "un uomo intelligente e umile che ha sempre messo al centro il lavoro di squadra e il suo amore per Don Matteo, la serie più amata dagli italiani" e lo ringraziano "perché è stato come un grande padre che in questi anni ci ha permesso di crescere e sbagliare, perché con il suo mito ci permetteva di avere sempre l'affetto del pubblico".

Terence Hill lascia Don Matteo, gli autori dovranno fare di Raoul Bova la nuova star

Grande commozione sul set di Don Matteo dopo l'ultimo ciack di Terence Hill. Gli autori della serie, da sempre coinvolti nel modellare battuta dopo battuta il personaggio interpretato dall'attore veneziano, si preparano a costruire una nuova realtà, senza il parroco più amato della televisione italiana. "Siamo molto grati a Terence per quello che ci ha dato", racconta a Il Giornale d'Italia uno degli scrittori della serie, autore di moltissimi episodi. "Ma adesso è arrivato per lui il tempo di dedicarsi alla sua famiglia e iniziare un nuovo capitolo". "Lavorare per 6 mesi all'anno in trasferta è estenuante per qualunque attore, ci sono ritmi pazzeschi di ripresa. Terence ha ormai 82 anni, e anche se ha il fisico di un 60enne è ha comunque la sua età", continua. Alla domanda su che tipo di persona l'attore sia nessuno ha dubbi anche da dietro le quinte: "Un uomo pazzesco, fa sempre tutti gli stunt da solo" racconta la fonte a Il Giornale d'Italia. 

Sarà Raoul Bova a prendere l'importante testimone lasciato da Terence Hill e diventare il protagonista della serie. Il suo personaggio è quello di Don Massimo, che dovrà cercare di seguire le orme di Don Matteo e dispensare saggi consigli mentre sventa crimini e risolve gialli nella parrocchia di sant'Eufemia. Ma con il cambio ai vertici della serie, l'universo della serie di Don Matteo si prepara a nuove dinamiche e avventure nei prossimi episodi. Come anticipano a Il Giornale d'Italia alcune fonti, non sarà un'impresa semplice scrivere i prossimi episodi: "Non è stato facile. Bisogna capire cosa fare con la serie e capire se continuare la serie senza Terence. Però lui non voleva mettere il veto e anche se la serie porta il nome del suo personaggio, Don Matteo, ci ha dato disponibilità della serie".

Don Matteo, dopo Terence Hill il testimone passa a Raoul Bova. Gli autori: "la serie si evolverà"

Largo dunque al personaggio di Don Massimo, anche se ancora non ci sono anticipazioni sui prossimi episodi o su un'eventuale rebranding della serie. "La scrittura è ancora aperta e gli episodi con Raoul sono in fase di scrittura", raccontano gli autori. Ma non c'è dubbio che Bova possa essere all'altezza della situazione: "Si tratta di un passaggio di testimone molto sereno, anche se avrà una grande eredità da gestire, Raoul Bova sta prendendo la cosa molto seriamente, lui e Terence si parlano e c'è dialogo", hanno attestato gli scrittori della serie.

Ancora non si sa cosa comporteranno i prossimi episodi, attualmente in fase di scrittura. Questa settimana però, secondo le indiscrezioni rilasciate a Il Giornale d'Italia, si inizia già a riprendere le prime scene con Don Massimo, il personaggio interpretato da Raoul Bova. "Bova si sta apprestando in maniera cauta", racconta la fonte, "con lui cambieranno le caratteristiche della storia". Questo perché "non possiamo riproporre lo stesso format di Don Matteo al personaggio di Bova, in quanto la presenza, dolcezza e autorevolezza di Terence Hill è irripetibile. Bova è molto prestante e ha capacità di ascoltare, sarà diverso il personaggio e anche la scrittura della serie si evolverà". Ma non solo, con l'addio di Terence Hill saranno da rivedere le relazioni che gravitavano attorno al parroco di Sant Eufemia: "Tutti i personaggi che nella serie vogliono bene a Don Matteo si dovranno abituare al nuovo arrivo, e stabilire un rapporto con Don Massimo". In attesa di nuove anticipazioni su Don Matteo, non ci resta che goderci la 13esima stagione, in arrivo sul piccolo schermo nel 2022.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x