Venerdì, 12 Agosto 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Vaccino Pfizer efficace solo al 12%? L'azienda replica in modo vago: "Interpretazione dei dati errata e fuori contesto"

Pfizer replica in un'intervista esclusiva a Il Giornale d'Italia al dossier apparso sul sito dell’associazione no profit Public Health and Medicals Professionals for Transparency, dove veniva asserito che il vaccino prodotto dall'azienda ha una bassissima efficacia

17 Maggio 2022

Vaccino Pfizer efficace solo al 12%? L'azienda non ci sta e replica: "Interpretazione errata o fuori contesto"

Fonte: Imagoeconomica

Secondo un dossier diffuso sul sito dell’associazione no profit Public Health and Medicals Professionals for Transparency e riportato da Byoblu, il vaccino contro il Covid della Pfizer sarebbe efficace solo al 12%. In tale studio veniva asserito che la nota azienda farmaceutica era pronta a tenere nascosi i documenti "compromettenti" fino al 2076. Ma un giudice federale del Texas, Mark Pittman, avrebbe "ordinato il rilascio dei Pfizerfiles entro un arco temporale di massimo un anno e mezzo". La Pfizer, a Il Giornale d'Italia, non solo ha risposto in modo vago, ma ha anche smentito questa narrazione degli eventi, affermando inoltre che i dati sull'efficacia dei vaccini non possono essere lasciati alla revisione di "non esperti", in quanto "può portare a un'interpretazione delle informazioni errata o fuori contesto". E poi ci ha rimandato a due siti. Il primo è quello dell'Ema (che, ricordiamo, è finanziato per l'86% dalle aziende farmaceutiche). Il secondo è invece quello dell'Aifa, che presenta un report aggiornato a due mesi fa - 26 marzo 2022 -, in cui, tra le altre cose, segnala, solo in Italia, 134.361 sospette reazioni avverse al vaccino.

Vaccino Pfizer efficace solo al 12%? L'azienda: "Interpretazione dei dati errata"

"È importante sottolineare che i dati presentati alle autorità regolatorie sono estremamente solidi e rappresentano la totalità dei dati relativi a un prodotto in esame", ha iniziato una portavoce della Pfizer, interrogata da Il Giornale d'Italia. "Analogamente, sia i produttori che le autorità regolatorie hanno in atto processi per il monitoraggio post-autorizzazione che forniscono volumi significativi di dati per contribuire a dare un quadro completo e dettagliato del profilo di sicurezza. Tutte le informazioni sono esaminate meticolosamente da clinici esperti che hanno le competenze per interpretarle nel contesto dell'intero set di dati presentato". Dunque, "la revisione di tali dati scientifici da parte di non esperti può portare a un'interpretazione delle informazioni errata o fuori contesto."

"Le autorità regolatorie di tutto il mondo hanno autorizzato il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 e comitati medici esperti hanno esaminato e continuano a esaminare i dati e a raccomandarlo", ha continuato la portavoce dell'azienda farmaceutica. "Con più di un miliardo di dosi di vaccino somministrate in tutto il mondo, il profilo di sicurezza del vaccino per tutti i gruppi autorizzati continua ad essere favorevole".

"Per quanto riguarda i report sugli eventi avversi, le fonti ufficiali sono quelle delle autorità regolatorie", conclude Pfizer, prima di sciorinare i link di EMA e AIFA citati in precedenza:

Safety of COVID-19 vaccines | European Medicines Agency (europa.eu)

Farmacovigilanza su vaccini COVID-19 | Agenzia Italiana del Farmaco (aifa.gov.it)

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x