Sabato, 28 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Covid, 6 Regioni cambiano colore da domani: governatori avanzano richieste

Il presidente della Liguria Giovanni Toti: "Problema dei positivi fantasma". Per martedì prossimo è in programma la Conferenza delle Regioni

23 Gennaio 2022

Covid, 6 Regioni cambiano colore da domani: governatori avanzano richieste

Fonte: lapresse.it

Sono 6 le Regioni che a partire da domani, lunedì 24 gennaio 2022, vedranno un cambio di colore. Puglia e Sardegna entreranno in zona gialla mentre Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Piemonte e Sicilia in arancione. A stabilire ufficialmente il passaggio nelle aree considerate a basso e medio rischio di contagio Covid è stato il ministro della Salute Roberto Speranza lo scorso venerdì dopo consueto monitoraggio Iss. Ma mentre si continua a parlare ancora di zone a colori, da Nord a Sud del Paese i governatori di Regione avanzano due precise richieste.

Le proposte delle Regioni al Governo

"Rivedere il sistema dei colori ed eliminare gli asintomatici dal conteggio dei positivi". Queste le proposte avanzate all'unanimità dai Presidenti di Regione al Governo. Per martedì prossimo, il 25 gennaio, è prevista una conferenza che potrà portare a dei cambiamenti su questi due fronti. Per quanto riguarda invece la campagna vaccinale, le terze dosi si apprestano a tagliare presto il traguardo dei 30 milioni.

"Chiederemo al Governo - spiega Nello Musumeci, governatore della Sicilia - una modifica delle colorazioni. Questa è la posizione della Conferenza dei governatori. Siamo convinti che debbano essere rivisti i parametri". D'accordo è Attilio Fontana della Regione Lombardia. "Il sistema delle zone che ha funzionato nelle prime fasi della pandemia e prima degli effetti della campagna vaccinale ora va sicuramente rivisto con urgenza", dice.

Infine il presidente della Liguria Giovanni Toti aggiunge un'altra richiesta: è quella di "risolvere il problema dei positivi fantasma, cioè di chi ha avuto il Covid, si è negativizzato ma non è stato registrato dal sistema sanitario nazionale". "Si tratta -  commenta Toti - di una mancanza che non permette a chi è guarito di ottenere il Green pass".

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x