Sabato, 28 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Quirinale, Meloni: "Basta pantano parlamentare, meglio una Repubblica presidenziale"

La leader di FdI nel discorso di chiusura della manifestazione Atreju a Roma: "Il centrodestra sarà determinante"

12 Dicembre 2021

Quirinale, Meloni scopre le carte: "Basta pantano parlamentare, passiamo a una Repubblica presidenziale. Subito un patriota al Colle"

Fonte: lapresse.it

La leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni ha chiuso manifestazione Atreju a Roma parlando anche del prossimo presidente della Repubblica che sostituirà al Quirinale Sergio Mattarella. Secondo Meloni, bisogna "uscire dal pantano della Repubblica parlamentare ed entrare nella Repubblica presidenziale". E "il centrodestra ha i numeri per essere determinante per l'elezione del Capo dello Stato. Vogliamo un patriota e non accetteremo compromessi".

Quirinale, Meloni: "Repubblica presidenziale con un patriota al Colle"

"Il Pd - continua la leader di Fratelli d'Italia - cerca un presidente della Repubblica che sia gradito ai francesi, io rimango di sasso ma tragicamente non mi stupisce, perché la sinistra ha fatto il procacciatore degli interessi per il governo francese in maniera tragicamente palese". E ancora: "Palazzo Chigi è di fatto l'ufficio stampa dell'Eliseo e Letta è il Rocco Casalino di Macron. Ma vi rendete conto? Questo è l'europeismo a cui dovremmo piegarci? No grazie".

"Ad Atreju abbiamo invitato tutti perché ci piacciono la libertà e il confronto e perché siamo talmente convinti della bontà delle nostre nostre idee che non abbiamo bisogno di censurare quelle degli altri per farle valere", ha continuato Giorgia Meloni dal palco di piazza Risorgimento. Poi un attacco alla ministra dell'Interno Luciana Lamorgese. "Perché è ancora al suo posto?" domanda Meloni. "Mentre il ministro Lamorgese fa entrare decine di migliaia di migranti, due giorni fa si dimette il responsabile del Viminale sull'immigrazione perché la moglie è stata indagata in una inchiesta sul caporalato. È questa la loro solidarietà? Fare entrare migliaia di immigrati per poi sfruttarli come gli schiavi nelle piantagioni di cotone".

Infine un lungo discorso a difesa della famiglia. "Gli italiani sono un popolo rassegnato all'estinzione", dice Giorgia Meloni commentando i dati sulla natalità pubblicati dall'Istat. "Noi continuiamo a difendere la famiglia naturale da chi vorrebbe abolirla. Ho passato l'infanzia a invidiare chi aveva un padre e famiglie numerose tutte attorno a un tavolo. I figli - conclude - non si comprano al supermercato, per poi magari abbandonarli come fossero giocattoli rotti quando non ci servono piu', come e' accaduto. Questa non è modernità, è barbaria. Combattere la discriminazione contro gli omosessuali, non c'entra niente con l'identità biologica".

 

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x