Giovedì, 09 Dicembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Elezioni, è Conte il vero e più grande sconfitto: ha sostenuto Gualtieri e Lo Russo ma ora è all'opposizione

Come il Centrodestra, anche Conte punta il dito sulla scarsa affluenza: "Astensionismo allarme per tutte le forze politiche"

19 Ottobre 2021

Ballottaggi, è Conte il vero e più grande sconfitto: ha sostenuto Gualtieri e Lo Russo ma ora è all'opposizione

Fonte: lapresse.it

"Il Movimento 5 Stelle a Roma, Torino e Trieste sarà all'opposizione", afferma il leader M5s Giuseppe Conte, forse il più grande sconfitto di queste elezioni comunali. I grillini, infatti, non solo non si sono accaparrati nessuna grande città, uscendo il più delle volte al primo turno, ma, ora, anche là dove hanno sostenuto il Centrosinistra saranno all'opposizione. Una sconfitta che sa di beffa, anche in considerazione di ciò che è successo a Roma. Mai, infatti, nella Capitale così come in ogni altra città, un sindaco uscente - che poi sarebbe Virginia Raggi, che poi sarebbe una "fedelissima" di Conte - aveva ottenuto così pochi consensi.

Ballottaggi, è Conte il vero e più grande sconfitto

Il leader del M5S Giuseppe Conte, su Facebook, ha commentato l'esito dei ballottaggi. "Lavoreremo in modo costruttivo ma senza fare sconti a chi governerà le città perché la nostra stella polare sarà sempre l’interesse esclusivo dei cittadini". "In alcuni Comuni - dice ancora l'ex premier - abbiamo confermato l'elezione di nostri sindaci uscenti: in questi casi ci impegneremo a portare avanti le nostre idee e i nostri progetti, continuando a tenere alta l'asticella del bene comune. In altri Comuni ancora abbiamo contribuito alla vittoria di un ampio schieramento con la conseguenza che saremo responsabilmente coinvolti nei rispettivi governi cittadini".

Anche Conte, inoltre, esattamente come Giorgia Meloni e Matteo Salvini, punta il dito sull'astensionismo. "Il vero protagonista di questa tornata di ballottaggi è in modo drammatico l'astensionismo", dice il leader 5 stelle. "Un astensionismo che sfiora il 60% è un dato che deve farci riflettere e dovrebbe allarmare tutte le forze politiche". E ancora: "Il Movimento 5 Stelle ha il dovere di dare una risposta a chi non crede più nella Politica come soluzione. C'è poco da parlare e molto da fare. A partire dalla nostra immediata riorganizzazione, dalla nostra rinnovata capacità di saper rispondere ai territori, al cuore del nostro Paese".

"Un forte ringraziamento va a quanti, è il caso di Virginia Raggi e di Chiara Appendino, si sono particolarmente impegnati per perseguire l'interesse dei propri cittadini, portando avanti i valori del Movimento 5 Stelle, lasciando in eredità un bagaglio importante, da cui i prossimi sindaci, a cui vanno i nostri migliori auguri, potranno partire", ha concluso Giuseppe Conte.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x