Domenica, 23 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Governo Draghi, passo falso diplomatico. 13 paesi contro Orban, Italia silente

Tredici Paesi dell'Unione europea hanno sottoscritto una dichiarazione in cui esprimono "forte preoccupazione" per la legge contro Lgbt e minori. L'Italia non aderisce

22 Giugno 2021

Orban alla Meloni

Fonte: lapresse.it

Non una bellissima figura. Si sapeva che Viktor Orban ha diversi amici, a partire da Giorgia Meloni e Matteo Salvini. Ci si aspettava meno, però, che da un governo di statura diplomatica importante come quello guidato da Mario Draghi potesse arrivare un tale passo falso. E invece quel passo falso è arrivato.

Tredici paesi contro la legge anti LGBT di Orban

Tredici Paesi dell'Unione europea hanno sottoscritto una dichiarazione in cui esprimono "forte preoccupazione" per la legge introdotta la scorsa settimana in Ungheria che, si denuncia, "discrimina in modo palese le persone Lgbtiq e viola il loro diritto alla libertà di espressione, con il pretesto di proteggere i minori". Non una novità in un paese, l'Ungheria, dove le libertà e i diritti civili sono in costante diminuzione. La legge nel mirino proibisce programmi e materiali educativi per bambini che, si ritiene, "promuovano" l'omosessualità, identità sessuali diverse da quella di nascita o ridefinizione di genere. Il ministro degli Esteri ungherese, Peter Szijjarto, ha difeso il provvedimento sottolineando che "va solo contro ai pedofili".

La dichiarazione congiunta dei paesi Ue

"Stigmatizzare le persone Lgbtiq costituisce una palese violazione del loro diritto fondamentale alla dignità, così come sancito dalla Carta dei diritti fondamentali dell'Ue e dal diritto internazionale", si legge nella dichiarazione. "L'inclusione, la dignità umana, e l'uguaglianza sono valori fondamentali della nostra Unione europea, e non possiamo fare compromessi su questi principi", si legge inoltre nella dichiarazione in cui si invita la Commissione, a cui spetta la tutela dei trattati europei, a "usare tutti gli strumenti a sua disposizione per garantire il pieno rispetto delle leggi Ue, anche portando la questione di fronte alla Corte di giustizia europea".

Hanno firmato tutti, tranne l'Italia

La dichiarazione congiunta è stata promossa dal Belgio e a cui hanno aderito altri 12 paesi: Francia, Germania, Spagna, Irlanda, Olanda, Svezia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Lituania, Lussemburgo e Lettonia. Insomma, tutta l'Europa che conta. L'Italia, invece, no. Ne è rimasta fuori lavandosene le mani. 

Amendola spiega: "Aspettiamo chiarimenti dall'Ungheria"

Di chi è la responsabilità? Qualcuno aveva pensato a un sovranismo di ritorno per Luigi Di Maio, ma poi ha chiarito tutto Vincenzo Amendola. "Ho personalmente ribadito con altri ministri oggi in Consiglio Affari Generali l'esigenza di avere chiarimenti sui recenti emendamenti del parlamento ungherese alle disposizioni in materia di minori e istruzione che lasciano perplessi per i passaggi discriminatori sull'orientamento sessuale. Non abbiamo aderito alla petizione di alcuni Stati, preferendo attendere la posizione ungherese in Consiglio. Le perplessità tuttavia rimangono. Si impone una valutazione approfondita della Commissione. L'Italia, come da recente dichiarazione a Coimbra, non ha mai fatto mancare sostegno ai diritti Lgbtiq a livello europeo", ha dichiarato il sottosegretario per gli affari europei.

Le perplessità restano, mentre Giorgia Meloni arriva in viaggio a Bruxelles e, come da tradizione, incontrerà proprio Orban.  
 

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x