Mercoledì, 04 Agosto 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Torino sempre più digitale: al via la piattaforma Opening Future pensata per PMI, startup e studenti

 Entra nel vivo la collaborazione tra Google Cloud, Intesa Sanpaolo e Noovle (Gruppo TIM) per favorire la diffusione delle competenze tecnologiche nel tessuto produttivo piemontese  

21 Luglio 2021

Torino sempre più digitale: al via la piattaforma Opening Future pensata per PMI, startup e studenti

Prende il via da oggi Opening Future, il portale dedicato allo sviluppo delle competenze digitali per il mondo scolastico e per il tessuto produttivo piemontese realizzato da Google Cloud, Intesa Sanpaolo e Noovle, la cloud company del Gruppo TIM. Il lancio del portale www.openingfuture.it segna l’avvio di una serie di iniziative congiunte che le tre aziende metteranno in campo per favorire lo sviluppo digitale e la crescita economica in Italia, a partire dal Piemonte. In particolare, nell’ambito di un progetto più ampio e strutturato che ha come obiettivo quello di favorire lo sviluppo del territorio, l’iniziativa fa seguito agli accordi per la realizzazione dei data center di Noovle in Piemonte e Lombardia su cui verranno create due Google Cloud Region e nei quali Intesa Sanpaolo migrerà una parte del suo sistema informativo.

Opening Future: a cosa serve la piattaforma?

Il nuovo sito, caratterizzato da un’ampia offerta di corsi ed eventi, vuole essere un punto di riferimento per tutte le Piccole Medie Imprese, le startup, gli studenti e i docenti che desiderano approfondire ed ampliare le proprie conoscenze del mondo digitale.

Su Opening Future sarà possibile trovare tutte le notizie e le informazioni necessarie per partecipare alle molteplici iniziative che da qui in avanti saranno proposte dalle società promotrici del progetto: eventi formativi per studenti e docenti delle scuole medie e superiori, meetup dedicati al mondo delle startup, webinar, contest e momenti di aggregazione per incentivare lo sviluppo delle eccellenze del territorio.  Le attività formative proposte spaziano dal coding per studenti e docenti ai corsi per la certificazione delle competenze digitali, dal coaching fino alle sessioni per favorire l’imprenditorialità e la leadership femminile. Tra le iniziative previste nell’ambito degli accordi di collaborazione c’è anche la creazione di un Centre of Excellence per lo sviluppo di nuove soluzioni e use case di servizio accelerati dall’Intelligenza Artificiale (AI).

Infine, parallelamente a queste attività si sta realizzando in collaborazione con il Dipartimento di  Culture, Politica e Società dell’Università di Torino uno studio dei benefici in termini di impatto occupazionale, crescita economica e di competenze digitali che la presenza dei nuovi Data Center genererà sul territorio piemontese. Sulla base di quanto già avvenuto in molti casi analoghi, sono attese significative ricadute positive non solo per il tessuto produttivo coinvolto nel progetto, ma anche per l’indotto e per settori meno direttamente collegati al business primario.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x