Sabato, 02 Luglio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

A Mariupol si entra e si esce con un pass rilasciato dai russi. Lo affermano fonti ucraine

Il consigliere del sindaco ucraino su Telegram rivela che la città è sotto il controllo delle forze cecene di Ramzan Kadyrov. Mentre a Mariupol si entra e si esce con un pass rilasciato da Putin che dura tre giorni

22 Maggio 2022

Mariupol, 2022

Mariupol (fonte twitter @michelelanzo)

Mariupol sotto completa sorveglianza dei russi, tant'è che si entra e si esce solo con un pass rilasciato dai russi. È questa la versione del consigliere del sindaco di Mariupol, Petro Andryushchenko che su Telegram spiega la nuova "regola" adottata dal Cremlino dopo la presa della città portuale. Il pass è valido sia per le auto sia per i passeggeri che vogliono entrare a Mariupol. Vale tre giorni e si può usare una sola volta. Una tantum. "I lasciapassare vengono rilasciati dall’ufficio del comandante degli occupanti nei punti di filtrazione di Mangush e Vynohradne".

A Mariupol si entra e si esce con un pass: lo affermano gli ucraini

Andryushchenko continua: "Per lasciare Mariupol in auto è necessario un pass per viaggiare. E anche per viaggiare nel distretto di Mariupol (senza entrare in Mariupol) serve un pass, che deve essere ottenuto a Mangush". La gestione della sicurezza di Mariupol, dunque, sembrerebbe essere passata nelle mani dei ceceni di Ramzan Kadyrov. Il controllo militare dei posti di blocco nei pressi di Mariupol dopo la presa dell'acciaieria Azovstal da parte dei russi è passata alle forze di Mosca mentre in precedenza era in mano ai separatisti filo-russi di Donetsk. 

È stato lo stesso Andryushchenko a confermarlo, citato da Unian. Per il consigliere è impossibile l'evacuazione dalla città mentre a Mariupol si è tenuto un raduno di volontari con bandiere rosse, organizzato dalle forze russe: "Non c’è limite al cinismo degli occupanti. Dopo aver sgomberato le rovine del teatro drammatico e aperto un parco, gli occupanti hanno organizzato una manifestazione di volontari con bandiere rosse in giro per la città. L’ultimo punto era un tour del Teatro Drammatico", ha commentato sarcastico l'ucraino.

Diverse centinaia di persone sono morte sotto le macerie del teatro. Secondo alcune fonti ucraine, le macerie sarebbero state sgomberate dai russi che così hanno potuto occultare i cadaveri delle persone uccise evitando, di fatto, che si conosca il numero esatto delle vittime dell’attacco.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x