Domenica, 25 Luglio 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Trump choc, elogio ad Adolf Hitler: "Ha fatto anche tante cose buone"

Rivelazione clamorosa in un libro del giornalista del Wall Street Journal Michael Bender, che svela una dichiarazione dell'ex presidente degli Stati Uniti: "Hitler ha fatto anche tante cose buone"

07 Luglio 2021

Donald Trump, i dem alla Camera invocano l'impeachment: 'Ha incitato all'assalto di Capitol Hill'

Donald Trump (foto LaPresse)

Rivelazione choc su Donald Trump. Ancora una volta, una dichiarazione dell'ex presidente degli Stati Uniti fa a dir poco scalpore e clamore. Questa volta una presa di posizione clamorosa su Adolf Hitler, il Fuhrer che causò la Seconda Guerra Mondiale e l'Olocausto. Ebbene, secondo Trump "Hitler ha fatto molte cose buone''.

Le dichiarazioni choc di Trump su Hitler

Parole davvero incredibili, con le quali l'ex presidente della principale democrazia al mondo si espresse durante un tour in Europa condotto nel 2018 per celebrare i cento anni dalla fine della Prima Guerra Mondiale. Parole che avrebbero ''scioccato'' l'allora Chief of Staff della Casa Bianca John Kelly, con il quale Trump stava parlando.

La rivelazione in un libro di un giornalista del Wall Street Journal

La rivelazione è contenuta in un libro del giornalista del Wall Street Journal Michael Bender, ''Frankly, We Did Win This Election': The Inside Story Of How Trump Lost'. Il libro sarà disponibile delle librerie dalla prossima settimana, ma il Guardian ne ha ottenuto una copia e lo ha iniziato a leggere. Svelando appunto questa clamoroso dettaglio sulle dichiarazioni inerenti a Hitler.

Il botta e risposta tra Bender e Trump

Nel testo Bender scrive che Trump negò successivamente di aver espresso apprezzamenti su Hilter, ma proprie fonti a condizione di anonimato hanno riferito che in quell'occasione Kelly "ha detto al presidente che si sbagliava, ma Trump era imperterrito", sottolineando la ripresa economica tedesca sotto il Fuhrer negli anni '30.

"Kelly ha ribattuto di nuovo - scrive Bender - e ha sostenuto che il popolo tedesco sarebbe stato meglio povero che sottoposto al genocidio nazista". Nel libro si legge che Kelly ha poi detto a Trump che anche se la sua affermazione sull'economia tedesca sotto i nazisti dopo il 1933 fosse vera, "non si può mai dire nulla a sostegno di Adolf Hitler. Semplicemente non si può". 

Donald Trump non smette mai di far discutere e di fare scandalo.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x