Lunedì, 08 Marzo 2021

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Birmania, Facebook chiuso dalla giunta militare

Bloccati ai provider l'accesso al social nell'intento di limitare le proteste contro il colpo di stato di tre giorni fa

04 Febbraio 2021

Birmania, Facebook chiuso dalla giunta militare

La nuova giunta militare del generale Min Aung Hlaing, protagonista del colpo di stato di tre giorni fa in Birmania, ha dato l’ordine, oggi, di chiudere ai provider internet nel Paese l’accesso a Facebook, con la volontà di limitare i messaggi di dissenso al golpe. Su Twitter, intanto, numerosi birmani lamentano di non essere  più in grado di accedere al social network e alle app del gruppo, come Whatsapp e Instagram. 

In Birmania ci sono oltre 22 milioni di utenti Facebook, per i quali il social network è diventato in pratica un sinonimo di Internet e il principale modo di accedere alle notizie.

Negli ultimi giorni, un "Movimento di disobbedienza civile" al golpe era stato rilanciato da centinaia di migliaia di persone su Facebook e altri social media, con foto di dissidenti con le tre dita alzate come in "The Hunger Games". Su Facebook erano anche stati pubblicati e rilanciati video di cittadini che suonavano clacson e battevano pentole in protesta contro il golpe.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

iGdI TV

Articoli Recenti

Più visti