Sabato, 02 Luglio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Totonomine: Snam, Fincantieri e Italgas, il dossier sul tavolo di Cdp. Domani giornata decisiva

Il comitato nomine di Cdp si prepara a chiudere il cerchio intorno alle nomine ai vertici di Snam, Italgas e Fincantieri

29 Marzo 2022

Ue, via libera su acquisto di Refinitiv da parte del London Stock Exchange. Di Stefano: 'CDP sarà azionista di Euronext al 7%'

Cdp (wikipedia)

Il comitato nomine di Cassa Depositi e Prestiti è al lavoro e si è riunito oggi con l’intento di decretare i nomi dei top manager che occuperanno i vertici di Snam, Italgas e Fincantieri.  Tutto tace per ora intorno al dossier sul tavolo di Via del Goito. Qualche importante passo in avanti potrebbe però esser fatto proprio giovedì 31 marzo, data nel quale il CdA si riunirà per approvare il bilancio 2021.

Non è da escludere tuttavia che il tema delle nomine potrà essere affrontato già domani, in sede del tavolo di  pre-consiglio di Cassa Depositi e Prestiti, prima della riunione del cda.

Certa ormai l’uscita di Marco Alverà, ad di Snam per due mandati, che sarà con ogni probabilità sostituito da Stefano Venier, alla guida di Hera, o da Alessandra Pasini, attuale cfo e capo dello sviluppo del business internazionale dell’azienda. Sempre più chiaro anche il destino di Paolo Gallo, ad di Italgas, che pare dirigersi verso una riconferma.

La partita di Fincantieri sembra invece più complessa. Tre i nomi che circolano: l'attuale dg Fabio Gallia,  ma soprattutto Fabrizio Palermo, ex numero uno di Cdp. 

La partita tuttavia non pare ancora chiusa e potrebbe nascondere qualche insidia. Sembrerebbe infatti che ci sia qualche disaccordo tra l'asse Draghi-Giavazzi e le forze politiche, ancora in fase negoziale per trovare una quadra.

“Il Governo dei migliori” vorrebbero “i migliori” a guidare le aziende, eppure non si capisce il motivo per cui proprio il già citato Marco Alverà ,che chiude il bilancio 2021 con ottimi risultati, sia prossimo a lasciare il suo posto alla guida della Snam.

In attesa della decisione definitiva dell’azionista sui top manager, è tuttavia palpabile l’attimo di frizione tra l’approccio muscolare di Draghi e le forze politiche, dato che ognuno cerca di orientare la scelta verso direzioni diverse. 

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x