Sabato, 29 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Incertezza sulle politiche dei tassi di interesse della Banca Centrale

Questa incertezza pesa sui tassi di cambio, ma il dollaro potrebbe rafforzarsi. Intervista a Marta Bonati, Country Manager di Ebury Italia

Di Paolo Brambilla

18 Novembre 2021

Incertezza sulle politiche dei tassi di interesse della Banca Centrale

Intervista a Marta Bonati, Country Manager di Ebury Italia

Ebury è una delle principali società fintech leader a livello europeo nella gestione di incassi e pagamenti internazionali e nella copertura del rischio di cambio.

Come valuta Ebury l'evoluzione dei tassi di cambio?

Marta Bonati"L'evoluzione dei tassi di cambio su valute come il dollaro e l'euro dipende attualmente dalle aspettative sui tassi di interesse.
In questo momento c'è molta incertezza sui tassi di interesse perché non è chiaro con quale rapidità le Banche Centrali invertiranno la politica monetaria espansiva degli ultimi anni. Gli analisti su cambi di Ebury hanno una leggera preferenza per il dollaro e spiegano perché nel loro Report, a questo link: www.ebury.it " 

Qual'è l'analisi che se ne trae, in sintesi?

"Il mercato valutario ha cercato da tempo una direzione quest'anno, cercando costantemente di determinare come le Banche Centrali affrontano il crescente timore di stagflazione. Dopotutto, sempre più Paesi e Regioni stanno vivendo una situazione di crescita in calo e inflazione in aumento. Sebbene le stesse Banche Centrali abbiano sempre affermato che l'aumento dell'inflazione sarebbe solo temporaneo, molti analisti ne dubitano".

Lei come interpreta il fenomeno?

"In effetti, l'idea che le pressioni inflazionistiche in un contesto di bassa crescita possano persistere per un periodo di tempo più lungo sta prendendo sempre più piede. In tal caso, l'aumento dei prezzi al consumo in un'economia in ritardo potrebbe causare una perdita di potere d'acquisto, con conseguente riduzione della spesa e ulteriore rallentamento della crescita economica. Il fatto che corriamo il rischio di entrare in una situazione di stagflazione ha molto a che fare con i cambiamenti economici che la crisi pandemica ha portato in tutto il mondo".

Dove le sembra che la pandemia abbia fatto più danni?

"Mentre il lato della domanda dell'economia ha resistito abbastanza bene grazie ai programmi di stimolo monetario e fiscale, la situazione pandemica ha causato gravi problemi dal lato dell'offerta: dall'aumento dei prezzi dell'energia alla carenza di grandi container marittimi a una carenza sul mercato del lavoro. Sono quindi principalmente le restrizioni nelle catene di approvvigionamento internazionali che limitano la crescita economica e contemporaneamente fanno aumentare l'inflazione, creando un grave dilemma per le Banche Centrali".

Che cosa si potrebbe fare?

"Se le redini monetarie vengono strette troppo presto, ciò può portare rapidamente a una crisi economica in un contesto di crescita troppo modesta, ma se la stretta monetaria viene ritardata troppo a lungo, ci sono buone probabilità che l'inflazione aumenti sempre più velocemente, il che potrebbe portare anche a una recessione. Fondamentale qui è, ovviamente, come si svilupperà lo scenario legato al Coronavirus nei prossimi mesi, ma è una situazione ancora molto incerta.

I programmi di vaccinazione sono già stati implementati correttamente nei paesi sviluppati, ma gli stati emergenti devono ancora affrontare problemi di disponibilità e distribuzione. Inoltre, l'autunno e l'inverno sono dietro l'angolo in Occidente e ora c'è una variante Delta Plus ancora più contagiosa, che sta già facendo parlare di nuove misure di blocco. La sfida più grande che le Banche Centrali devono affrontare è quindi trovare l'equilibrio tra stimolare l'economia e combattere l'inflazione in circostanze così incerte".

Quali sono le aspettative sui tassi di interesse?

"Le aspettative sui tassi di interesse sono uno dei principali fattori a cui reagiscono i tassi di cambio, e su questo c'è grande incertezza, perché non è chiaro come opereranno le Banche Centrali. In questo contesto, è sorprendente, ma non inatteso, che le previsioni sui tassi di cambio nel mercato varino ampiamente. Inoltre, i tassi di interesse futuri non sono l'unico fattore di incertezza. Ad esempio, la volatilità nei mercati azionari è aumentata considerevolmente di recente, con fluttuazioni giornaliere dei prezzi di 1.000 punti nell'indice Dow Jones, che sono dipese, tra le altre cose, dalle vicissitudini del mercato Real Estate cinese in difficoltà a causa di Evergrande".

Come si sta comportando il dollaro?

"Il fatto che il dollaro USA sia una valuta rifugio, spesso acquistato in mercati azionari in ribasso (e venduto in rialzo), rende ancora più difficile fare previsioni sui prezzi. Considerando tutti i pro e i contro, riteniamo che il dollaro abbia un prezzo ragionevole in questo momento, ma la valuta statunitense potrebbe ancora rafforzarsi leggermente verso la fine dell'anno. I dati usciti negli ultimi mesi, almeno per quanto riguarda l'inflazione, sono a favore di questa valuta. Inoltre, è evidente che la Banca Centrale degli Stati Uniti eliminerà gradualmente i programmi di acquisto di obbligazioni prima della Banca Centrale Europea e ritengo anche più probabile che la Fed lo faccia prima del previsto.

Ecco perché esiste una ragionevole possibilità che i tassi di interesse negli Stati Uniti aumentino più rapidamente che in Europa. Il rendimento dei titoli del Tesoro USA a 10 anni, che si aggira intorno all'1,65%, potrebbe salire dal 2% al 2,25% l'anno prossimo. E il rendimento dei titoli di stato tedeschi a 10 anni (ora intorno al -0,1%) potrebbe andare verso lo 0% fino allo 0,25%, il che si tradurrà in un vantaggio sui tassi di interesse maggiormente positivi per il dollaro".

Come possiamo concludere questa intervista?

"Nelle attuali circostanze incerte, è difficile guardare oltre e questo ha a che fare con il fatto che le Banche Centrali stanno attualmente cercando di guidare il mercato principalmente con le parole e non con i fatti. In altre parole, dobbiamo aspettare e vedere quando inizierà effettivamente una nuova fase di stretta monetaria (anziché di allentamento) e di rialzo dei tassi. Fino ad allora, vedo un lieve rafforzamento del dollaro per il resto di quest'anno verso 1,15 dollari per euro e 1,35 dollari per sterlina".

Di Paolo Brambilla

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x