Domenica, 25 Luglio 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Generali: offerta pubblica di acquisto volontaria su azioni di Società Cattolica di Assicurazione S.p.A.

Il Gruppo fa sapere di aver promosso l’offerta per la totalità delle azioni ordinarie della società

31 Maggio 2021

Generali, al via ammissione al regime di Adempimento Collaborativo 

Generali

Ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 102, comma 1, del D.Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58, come successivamente modificato (il “TUF”), nonché dell’art. 37 del Regolamento di attuazione del TUF adottato con delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999, come successivamente modificato (il “Regolamento Emittenti”), Assicurazioni Generali S.p.A. (l’“Offerente” o “Generali”) comunica di aver assunto la decisione di promuovere un’offerta pubblica di acquisto volontaria totalitaria ai sensi e per gli effetti degli artt. 102 e 106, comma 4, del TUF (l’“Offerta”), avente a oggetto la totalità delle azioni ordinarie di Società Cattolica di Assicurazione S.p.A. (l’“Emittente” o “Cattolica”), quotate sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A.

Generali: offerta pubblica di acquisto volontaria sulle azioni di Società Cattolica di Assicurazione S.p.A.

In particolare, l’Offerta ha ad oggetto n. 174.293.926 azioni ordinarie dell’Emittente, ossia la totalità delle azioni emesse da Cattolica alla data odierna, ivi incluse le azioni proprie detenute dall’Emittente (complessivamente, le “Azioni dell’Emittente”), dedotte le n. 54.054.054 azioni di titolarità dell’Offerente alla data odierna. Per ciascuna Azione dell’Emittente portata in adesione all’Offerta, Generali offrirà un corrispettivo unitario pari a Euro 6,75 (il “Corrispettivo”).

Tale Corrispettivo incorpora un premio pari al:

- +15,3%1 rispetto al prezzo ufficiale delle Azioni dell’Emittente rilevato alla chiusura del 28 maggio 2021 (ossia il giorno di borsa aperta precedente la comunicazione dell’Offerta al mercato);

- +40,5%2 rispetto alla media aritmetica, ponderata per i volumi scambiati, dei prezzi ufficiali per Azione dell’Emittente degli ultimi 6 mesi precedenti al 28 maggio 2021.

L’Offerente precisa che, nel formulare l’Offerta, ha fatto affidamento esclusivamente su informazioni e dati resi pubblici dall’Emittente.

Presupposti giuridici dell’Offerta

L’Offerta consiste in un’offerta pubblica di acquisto volontaria totalitaria, promossa ai sensi degli artt. 102 e 106, comma 4, del TUF e delle relative disposizioni di attuazione contenute nel Regolamento Emittenti.

Motivazioni dell’Offerta

L’Offerta è promossa da Generali con l’obiettivo di consolidare la propria posizione nel mercato assicurativo italiano, in coerenza con le linee guida del Piano Strategico di Generali 2021 – “Leveraging strengths to accelerate growth”: l’acquisizione dell’Emittente permetterebbe all’Offerente di diventare il primo gruppo nel mercato danni e di rafforzare la propria presenza nel mercato vita.

Il settore assicurativo, italiano ed europeo, si trova oggi ad affrontare importanti cambiamenti che vedranno l’innovazione tecnologica di prodotto e processo come i principali driver per la creazione di valore. In tale contesto di riferimento, gli operatori di grande dimensione come Generali ricopriranno un ruolo sempre più rilevante e con conseguenti benefici diretti sulla clientela in termini di prodotti e servizi, grazie anche alla capacità di sostenere importanti investimenti in digitalizzazione e nuove tecnologie.

La partnership strategica avviata con l’Emittente il 24 giugno 2020 ha messo in luce la complementarietà del modello di business di Cattolica con quello di Generali, in particolare l’ampia base di clientela focalizzata su segmenti specifici (i.e, agricolo, imprenditoriale e professionale, mondo religioso, associativo, cooperativo e piccole e medie imprese), la rete agenziale estesa e stabile, il forte orientamento a sostenere l’economia locale e un sistema di valori simili. In questa logica, l’Offerta permetterà di valorizzare ulteriormente le caratteristiche distintive dell’Emittente, anche grazie al contributo tecnologico e dimensionale di Generali, permettendo la realizzazione di importanti economie di scala e sinergie industriali, con una particolare attenzione al mantenimento di alcuni elementi essenziali di Cattolica quali:

-la tutela dell’identità e del legame storico di Cattolica con il proprio territorio di origine;
-il mantenimento del brand Cattolica;
-la valorizzazione di esperienze e asset con riferimento al settore agricolo-assicurativo, al terzo settore (associativo ed enti religiosi) e alla bancassurance in una logica di sviluppo e valorizzazione dell’attività.

L’Offerta permetterà il conseguimento di benefici significativi per tutti gli stakeholders dell’Emittente; in particolare:

Azionisti: riconoscimento di un corrispettivo attraente per gli azionisti di Cattolica con un premio importante rispetto ai prezzi di borsa dell’Emittente;

Clienti: miglioramento e ampliamento della gamma di prodotti attraverso il rafforzamento delle soluzioni tecnologiche e digitali con l’opportunità di sfruttare un ecosistema di servizi connessi grazie alla maggiore capacità di investimento verso l’innovazione;

Agenti: partecipazione all’accelerazione della digitalizzazione nelle relazioni con la clientela, sfruttando competenze e strumenti innovativi e l’allargamento dei segmenti di clientela grazie a un’offerta prodotti e servizi più completa;

Dipendenti: impegno verso la crescita professionale, le competenze sia tecniche che digitali, la capacità di attrarre e trattenere i migliori talenti dal mercato, anche grazie alla possibilità di poter offrire maggiori opportunità di sviluppo nazionale e internazionale;

Comunità e ambiente: rafforzamento della capacità di integrazione e supporto alle comunità e al territorio, facendo leva e promuovendo le eccellenze locali, oltre all’impegno a supportare una crescita economica sostenibile con maggiori investimenti “ESG” e la circular / green economy.

Si prevede che, a regime, l’Operazione porti ad un aumento dell’incidenza degli utili derivanti dal business danni, coerentemente con le preferenze strategiche in termini di allocazione di risorse per la crescita
inorganica.

La storia di crescita di Generali ha dimostrato la forte capacità dell’Offerente di procedere con successo ad integrazioni salvaguardando le eccellenze delle società integrate, nel rispetto degli standard operativi dell’Offerente sotto il profilo economico-finanziario e senza disagi per la clientela, gli intermediari e il personale dell’Emittente.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x