Sabato, 08 Ottobre 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Licenziamenti Sindacati Governo è scontro, Landini "Insisteremo per la proroga"

I rappresentanti dei lavoratori accusano l'esecutivo: "Ascoltata troppo Confindustria"

25 Maggio 2021

sindacati sciopero

Licenziamenti: è scontro Governo e Sindacati. Questi ultimi, infatti, alzano la voce sul dietrofront della compagine di Draghi sul blocco dei licenziamenti fino ad agosto, avvertendo che “rimane il rischio che dal primo luglio ci possa essere chi licenzia”.

Licenziamenti, è scontro Governo Sindacati

Tra i primi a protestate il numero uno della Cgil Maurizio Landini. “Il messaggio che viene dato, avendo ascoltato un po' troppo Confindustria, è che i problemi si risolverebbero con la libertà di licenziare: un messaggio sbagliato. Noi continueremo a chiedere che ci sia una proroga del blocco".

 Il segretario Cgil ha proseguito così. "I testi ancora non li abbiamo visti e la partita non è chiusa" perché non vogliamo trovarci di fronte a migliaia di licenziamenti: non è il momento di aprire ulteriori fratture sociali".

Blocco licenziamenti: i sindacati contro il Governo

Della stessa idea il segretario generale della Cisl Luigi Sbarra che parla di "soluzione debole, non in grado di arginare il rischio di uno tsunami sociale e occupazionale che arriverà con l'uscita dal blocco dei licenziamenti" .

"Il governo deve ritornare sui propri passi, aprire urgentemente un confronto, un dialogo con le parti sociali per giungere a soluzioni condivise. Questo pasticcio è frutto della mancata concertazione, del mancato confronto sui temi del lavoro contenuti nel decreto Sostegni bis" ha concluso Sbarra.

Infine per Pierpaolo Bombardieri, segretario generale Uil: “In questa settimana, mentre noi chiediamo zero morti sul lavoro, qualcuno chiede zero diritti e sono le stesse associazioni datoriali che, in questo anno, hanno avuto il 74% dei finanziamenti dello Stato a favore delle aziende”.

Licenziamenti, i sindacati contro il Governo: venerdì 28 manifestazione unitaria a Roma

Venerdì 28 maggio i sindacati scenderanno in piazza con una manifestazione unitaria davanti al Parlamento. “Centinaia di migliaia di persone rischiano di perdere il proprio posto di lavoro. Noi siamo sempre per risolvere i problemi e per trovare le soluzioni: speriamo che ciascuno faccia appello al proprio senso di responsabilità per evitare di incendiare il Paese” ha concluso Bombardieri.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x