Venerdì, 07 Maggio 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Lavoro, Istat: "Quasi 900mila lavoratori in meno da inizio pandemia"

In un anno e mezzo di coronavirus c'è stata una caduta verticale degli occupati. La situazione leggermente migliorata nell'ultimo mese

30 Aprile 2021

Lavoro, Istat: "Quasi 900mila lavoratori in meno da inizio pandemia"

Lavoratori (fonte foto Pixabay)

Lavoro, quasi 900mila occupati in meno da inizio pandemia, 2 punti in meno in percentuale: è questo il quadro allarmante della situazione lavorativa in Italia, messo nero su bianco dalle rilevazioni Istat. Da febbraio 2020, quindi, il calo dell’occupazione ha colpito un po’ tutti: i dipendenti a termine (-9,4%), gli autonomi (-6,6%) ed i lavoratori più giovani (-6,5% tra gli under 35).

Lavoro, 900 mila occupati in meno: forse si vede uno spiraglio

Non tutte le notizie, tuttavia, sono negative: tra febbraio e marzo di quest’anno, infatti, si è avuta una lieve crescita dell’occupazione, ed ovviamente un calo di inattivi e disoccupati che ha coinvolto soprattutto, gli uomini, i dipendenti a termine e tutte le classi di età, ad eccezione dei 35-49enni che, al contrario, diminuiscono, come donne e dipendenti permanenti. La crescita dell’occupazione tra febbraio e marzo del 2021 si è attestata a +0,2%, ossia 34.000 persone, il tasso occupazionale è salito di un punto al 56,6%.

Lavoro: sale la disoccupazione tra gli under 35

A marzo, rispetto a febbraio, si registra un calo di disoccupati e inattivi. Il calo del numero di persone in cerca di lavoro (-0,8% rispetto a febbraio, pari a -19mila unità) riguarda gli uomini e gli over 25, mentre tra le donne e i giovani di 15-24 anni si osserva un aumento. Il tasso di disoccupazione scende al 10,1% (-0,1 punti) e sale tra i giovani al 33,0% (+1,1 punti). A marzo, rispetto al mese precedente, diminuisce anche il numero di inattivi (-0,3%, pari a -40mila unità) a seguito del calo registrato per entrambi i sessi e per gli under 35 che si contrappone all’aumento osservato tra le persone con almeno 35 anni. Il tasso di inattività scende al 36,8% (-0,1 punti).

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti