Lunedì, 04 Luglio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Vaccino ai minori disposto dal giudice. La 9°.... ma non è Beethoven: c’era una volta la sezione Nona del Tribunale di Milano

l’Italia non ha ancora approvato alcun vaccino e l’autorizzazione al commercio dei vaccini della Pfizer, così come quelli prodotti dalle altre case farmaceutiche (molti dei quali già ritirati in quanto pericolosi), è condizionata proprio dallo studio di quegli effetti collaterali e di inefficacia dei prodotti ad mRna, che la casa farmaceutica inizia a riconoscere, a differenza dei giudici della IX Sezione, con assoluta insensibilità nel trattare i delicati temi dei minori e delle famiglie

Di Valery Rightlaw

19 Maggio 2022

Vaccino ai bambini, il governo non arretra e punta al 70%: "Sta diventando una malattia pediatrica"

fonte: Twitter @mediasettgcom24

C’era una volta la sezione Nona del Tribunale di Milano.

Era composta da Giudici, che potremmo definire “pezzi da 90”, per la grande competenza e sensibilità nel trattare i delicati temi dei minori e delle famiglie.

Poi fu la volta del virus e tutto il mondo divenne un pan-demonio, compresi tanti gangli istituzionali e giurisdizionali.

 

Nell’attesa si disinneschi tutto il giro distopico di questi tristi tempi, sempre nella speranza evolva in senso favorevole per l’umanità la situazione internazionale, a casa nostra continueremo ancora per mesi a far finta cheil pandemonionon sia finito, come quel soldato che tenuto prigioniero per lunghi anni dalla fine della guerra, una volta liberato non si capàciti che potrà vivere in pace.

 

Nel solco di tale distorto pensiero, la Sezione Nona, ogniqualvolta si presenti al suo cospetto un caso di conflitto genitoriale, riguardo la vaccinazione dei figli minorenni, attacca una sirena ossessiva e ripetitiva, adducendo dati e visioni della situazione obsoleti, catastrofici (esiste solo il covid19 ed i minori sarebbero a rischio!) e per nulla rispondenti al contesto attuale, che vede gran parte degli scienziati - di casa nostra e non - criticare oramai apertamente la c.d. vaccinazione anti covid degli adulti e dei minori in special modo.

 

Rammentiamo i numerosi articoli scientifici pubblicati sul rischio di contrarre miocarditi e pericarditi in età pediatrica e la loro incidenza negativa per il benessere psicofisico di tanti bambini e ragazzi in età adolescenziale, tanto da aver condotto AIFA a segnalare la questione nelle schede tecniche di diversi prodotti ad mRna.

 

E più recentemente si legga: https://ilsimplicissimus2.com/2022/04/26/i-vaccini-che-fanno-male-al-cuore/ da cui è dato desumere la pericolosità delle vaccinazioni ad mRna ed in special modo quelle eterologhe.

E, tra i vari: https://www.ilgiornaleditalia.it/news/salute/367405/vaccino-pfizer-efficace-solo-al-12-l-azienda-replica-in-modo-vago.html

 

Per contro e nell’ottica di ossequiare acriticamente pezzi della c.d. scienza”, asservita alle case farmaceutiche, alcuni giudici si allineano agli orientamenti dell’ISS e dell’AIFA, citando solo stralci di studi risalenti nel tempo in provvedimenti che possono definirsi “ciclostile” e che neppure vagamente rispondono ai criteri di tutela del minoreconteso”, che il più delle volte matura una sindrome da alienazione parentale da quel padre o madre (a seconda del caso), che il Tribunale ritiene piùprotettivo”, in quanto ed unicamentevaccinista”.

 

In tal senso, i vari casi della Sezione Nona su numerosi minori da 9 anni (esatto, nove....!) ai 17 anni, femmine e maschi, insistendo sul refrain: “ “ ...i benefici di vaccinarsi superano di gran lunga i rischi...” e perchè? Perchè lo dice EMA (rammentiamo che detta agenzia europea di controllo dell’affidabilità dei farmaci è retta per oltre l’80% da sovvenzioni direttamente versate dalle case farmaceutiche) ed AIFA.

Ebben si, quell’AIFA, che prende ordini da Ema, che a sua volta è pagata anche da Biontech-Pfizer. Quella medesima AIFA, che ammette candidamente che la farmacovigilanza passiva in Italia si aggira su una percentuale del 96% e che quindi riconosce che i casi di effetti avversi” (dalla stessa indicati nell’ultimo rapporto di Marzo 2022 in n. 134.361) sono assolutamente sottostimati rispetto al dato reale.

 

Nessun accenno la Sezione fa a quella parte dellascienzamedica e clinica, che sta urlando da mesi l’esistenza di milioni di conseguenze gravi post sperimentazione vaccinale anti covid19 sulla popolazione più giovane (dati Eudravigilance) e impermeabile pare rimanere persino davanti alle confessioni della medesima Pfizer, quando rispondendo al questionario della SEC americana (l’equivalente della Consob italiana), riconosce testualmente: “ ...potremmo non essere in grado di dimostrare l’efficacia o la sicurezza sufficienti del nostro vaccino per ottenere l’approvazione normativa permanente negli Stati Uniti, nel Regno Unito, nell’Unione Europea o in altri paesi in cui il vaccino è stato approvato...”

 

Ecco, rammentiamo che l’Italia non ha ancora approvato alcun vaccino e la relativa  autorizzazione al commercio (così come dei vaccini prodotti dalle altre case farmaceutiche – alcuni dei quali già ritirati in quanto altamente pericolosi), è condizionata proprio dallo studio di quegli effetti collaterali e di inefficacia dei prodotti ad mRna, che anche la casa farmaceutica Pfizer inizia a riconoscere e che i giudici della IX Sezione del Tribunale di Milano faticano ancora a riconoscere, quasi a voler mettere la testa sotto la sabbia... come gli struzzi !

O similtali....

 

 

Ad maiora...

 

 

Sezione Nona settore Famiglia

 

Competenze:

Famiglia, separazioni e divorzi.

 

Magistrati:

Anna Cattaneo - Presidente

Maria Laura Amato

Fulvia De Luca

Chiara Delmonte

Piera Gasparini

Giuseppe Gennari

Valentina Maderna

Rosa Muscio

Beatrice Secchi

Giuseppina Stella Laura Cesira

 

Cancelleria:

Imelda Artuso - Responsabile

 

Orari al pubblico:

Dal lunedi al venerdi, a partire dalle ore 09.00 alle ore 13.00. II sistema eliminacode eroghera i  numeri  dalle  ore  08.45  sino  alle  ore  13.00,  così  da consentire di completare i servizi al pubblico indicativamente entre 4 ore dall'orario di inizio della operatività del sistema stesso.

 

Saranno  comunque  evase  le richieste di coloro che avranno  ritirato il numero entre  le 13.00

 

Accesso:

via San Barnaba, 50 (NUOVO PALAZZO DI VIA SAN BARNABA)

 

Collocazione:

Piano terra

 

Telefono:

dalle ore 09:00 alle ore 10:00: 02.5433/5221/4130/5223/5623;

dalle ore 12:00 alle ore 13:00: 02.5433/5781/3631/3734/3505/3942.

 

Email:

sez9.civile.tribunale.milano@giustizia.it

 

Di Valery Rightlaw

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x