Sabato, 13 Agosto 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Sciopero generale oggi 16 dicembre, lo slogan: "Insieme per la giustizia"

Servizi bloccati per 8 ore per lo sciopero del 16 dicembre 2021. A Roma, Milano, Bari, Cagliari e Palermo in programma manifestazioni

16 Dicembre 2021

Sciopero generale oggi 16 dicembre, lo slogan: "Insieme per la giustizia"

Fonte: Facebook Cgil

Prende il via oggi, 16 dicembre 2021, lo sciopero generale guidato da Cgil e Uil contro la nuova manovra economica messa a punto da Palazzo Chigi ma giudicata "insoddisfacente" dai sindacati. "Insieme per la giustizia" è lo slogan della protesta che potrebbe bloccare per 8 ore servizi molto importanti in tutta Italia. Si va dai trasporti alle banche, mentre restano esclusi ospedali, poste e scuole. A Roma, ma anche a Milano, Bari, Cagliari e Palermo sono in programma manifestazioni.

Sciopero generale 16 dicembre: il motivo

Il motivo dello sciopero di oggi è presto spiegato: sindacati e lavoratori protestano oggi 16 dicembre contro la nuova Legge di Bilancio che, stando alle parole del leader della Cgil Maurizio Landini, "non è assolutamente la base di una riforma fiscale degna di questo nome". "Siamo nella stessa identica situazione di prima. Di fatto il Governo non ha pensato davvero a una ripartenza economica", lamentano migliaia di persone. "La distribuzione della ricchezza rimane, come al solito, sbilanciata anche con questa manovra", proseguono.

Secondo i leader dei sindacati ora più che mai è necessario "cambiare la faccia di questo Paese" con "più giustizia sociale, più giustizia economica e con un lavoro di qualità che torni al centro della politica". Per questo motivo dunque "scioperiamo e scendiamo in piazza", asserisce Landini. "Tutti insieme abbiamo bisogno di combattere una pandemia salariale e sociale che non ha precedenti. La vita e le condizioni delle persone sono nettamente peggiorate e quindi i provvedimenti del Governo devono essere cambiati".

Appena qualche giorno fa lo stesso segretario della Cgil a Bari per la manifestazione regionale dei sindacati pugliesi aveva detto: "Bisogna creare lavoro, perché finché i giovani e le persone sono precari, sono poveri pur lavorando, non avranno una pensione degna di questo nome e questo non fa altro che aumentare la sofferenza e la divisione sociale. Su questi elementi noi abbiamo bisogno che ci sia un cambiamento, non formale ma sostanziale e altri tavoli di trattativa non sono ancora cominciati", aveva concluso Landini.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x