Martedì, 19 Ottobre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

G20 Afghanistan a Roma oggi, al centro le "promesse tradite" dei talebani sui diritti delle donne

Il premier Draghi presiederà l'incontro, che unisce i vertici dei principali paesi per discutere una soluzione comune nei confronti del governo talebano

12 Ottobre 2021

G20 Afghanistan a Roma oggi, al centro le "promesse tradite" dei talebani sui diritti delle donne

Inizia oggi, martedì 12 ottobre, il G20 a Roma oggi, un incontro speciale sull'Afghanistan con al centro le "promesse tradite" dei talebani sui diritti delle donne. Il presidente del Consiglio Mario Draghi ospiterà un vertice speciale del Gruppo delle 20 principali economie per discutere dell'Afghanistan, mentre crescono le preoccupazioni per un incombente disastro umanitario dopo il ritorno al potere dei talebani.

G20: Rischio catastrofe umanitaria in Afghanistan

Da quando i talebani hanno conquistato l'Afghanistan lo scorso 15 agosto, il Paese, già alle prese con la siccità e la grave povertà dopo decenni di guerra, ha visto la sua economia sul punto di crollare, suscitando lo spettro di un esodo di profughi.

La videoconferenza G20, che dovrebbe iniziare alle 13:00, si concentrerà sulla sicurezza e le modalità per garantire un passaggio sicuro all'estero per migliaia di afgani collaboratori delle forze straniere ancora bloccati nel Paese. "Fornire sostegno umanitario è urgente per i gruppi più vulnerabili, in particolare donne e bambini, soprattutto con l'arrivo dell'inverno", ha affermato un funzionario coinvolto nell'evento.

G20, importante il ruolo di Cina e Russia 

Al vertice dovrebbe partecipare il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres, sottolineando il ruolo centrale dato alle Nazioni Unite nell'affrontare la crisi in Afghanistan. L'Italia, che detiene la presidenza di turno del G20, ha lavorato duramente per organizzare l'incontro di fronte alle opinioni molto divergenti all'interno del disparato gruppo su come affrontare l'Afghanistan dopo il caotico ritiro degli Stati Uniti da Kabul.

Centrale anche il ruolo di potenze come Cina e Russia, che da sempre preferiscono non interferire negli affari interni di un altro Paese. La Cina ha pubblicamente chiesto che le sanzioni economiche contro l'Afghanistan siano revocate e che miliardi di dollari in beni internazionali afgani siano sbloccati e restituiti a Kabul. Ma non è ancora certo se questa tematica verrà portata sul tavolo delle trattative. I media cinesi hanno riferito che il presidente Xi Jinping non prenderà parte all'incontro, sostituito dal ministro degli esteri Wang Yi. Non è ancora chiaro se anche il presidente russo Vladimir Putin prenderà parte alla conferenza.

I vicini dell'Afghanistan Pakistan e Iran non sono stati invitati alla videoconferenza, mentre il Qatar, che ha svolto un ruolo chiave come interlocutore tra i talebani e l'Occidente, si unirà alle discussioni. Il vertice virtuale arriva pochi giorni dopo che alti funzionari statunitensi e talebani si sono incontrati in Qatar per il loro primo incontro faccia a faccia da quando il gruppo ha ripreso il potere.

L'incontro di questo martedì 12 ottobre arriva meno di tre settimane prima del vertice formale dei leader del G20 a Roma del 30-31 ottobre, che dovrebbe concentrarsi sui cambiamenti climatici, la ripresa economica globale, la lotta alla malnutrizione e la pandemia di Covid19.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x