Lunedì, 29 Novembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Covid, Bassetti: "Togliere il Green pass? Possibile, da fine ottobre forse situazione migliore"

Per l'infettivologo ci sono buone premesse per arrivare all'immunità di gregge ma "bisognerà aiutare anche i paesi poveri"

11 Ottobre 2021

Covid, Bassetti: "Mascherine oggi anacronistiche in zona bianca"

Matteo Bassetti (fonte Facebook)

Sulla questione del calo dei contagi Covid anche l'infettivologo Mattia Bassetti inizia a parlare di ridurre le restrizioni. Di questo passo, come ha annunciato nella giornata di lunedì 11 ottobre, togliere il Green pass sarà possibile, perché "da fine ottobre forse avremo una situazione migliore". Un annuncio controcorrente, che finalmente fa respirare un po' dopo le preoccupazioni per l'arrivo della stagione delle influenze. Parole che lasciano anche interdetti, dato che proprio tra pochi giorni sarà ufficiale l'obbligo di Green pass sul posto di lavoro: era veramente necessario?

Bassetti: "Stiamo uscendo dalla pandemia"

"Sono d'accordo al 100% con Alberto Mantovani. Stiamo uscendo dalla pandemia, abbiamo raggiunto l'80% degli italiani vaccinati contro il Covid, e secondo me siamo uno dei Paesi messi meglio in Europa", ha detto il direttore della Clinica di Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova commentando l'ottimismo del direttore scientifico dell'Irccs Istituto clinico Humanitas di Rozzano.

"Stiamo vedendo la fine, se in questo ottobre la curva epidemiologica continuerà così senza un incremento dei ricoveri e della pressione sugli ospedali", ha affermato l'immunologo, che concorda con le affermazioni del collega. In un suo precedente intervento, infatti, Mantovani aveva parlato di sviluppo positivo della pandemia, anche se ha accennato che "dovremo imparare a conviverci".

Meno ospedalizzazioni? Allora possiamo togliere le restrizioni

"Bisognerà poi pensare ad un ritorno alla normalità e togliere le restrizioni, compreso il Green pass che è diventato un argomento troppo divisivo - dice Bassetti - Le persone si devono vaccinare, non fare i tamponi".

Un pensiero va anche a quel resto del mondo senza il quale non potremo mai pensare di uscire dalla pandemia. "L'obiettivo ora è vaccinare anche negli altri Paesi, quindi offrire e regalare vaccini alle nazioni più povere, altrimenti diventeranno fucina per varianti", spiega Bassetti. "Gli obiettivi devono essere vaccinare il 70% della popolazione mondiale entro il prossimo novembre 2022, in modo tale che probabilmente con la prossima primavera come Paese saremo completamente fuori, e a livello internazionale, se vacciniamo anche chi ora non ha accesso alle dose, si uscirà dalla pandemia entro il 2022".

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x