Domenica, 16 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Nobel 2022, tra i candidati un ricercatore italiano: chi è Giorgio Parisi

Lo scienziato è stato nominato insieme ad altri 15 esperti all'interno della Clarivate Citation Laureates

22 Settembre 2021

Nobel 2022, tra i candidati un ricercatore italiano: chi è Giorgio Parisi

Tra i candidati al prossimo premio Nobel sbuca il nome di un ricercatore italiano: si tratta di Giorgio Parisi, fisico di fama internazionale, che mercoledì 22 settembre è il primo italiano nominato nella lista dei Clarivate Citation Laureates.

Si tratta di una scelta importante, che determina l'ingresso degli scienziati più promettenti nella rosa di nomi a cui potrebbe essere conferito il prossimo premio Nobel. Ma il fisico rimane umile: "Un riconoscimento di questa natura è un premio collettivo che si estende a una comunità; il suo merito va anche ai più di 500 collaboratori che ho avuto, con i quali ci siamo divertiti nel cercare di svelare i misteri della natura."

Chi è Giorgio Parisi

Giorgio Parisi è un fisico e accademico pluripremiato, nato a Roma il 4 agosto 1948. Si tratta di uno dei più autorevoli ricercatori italiani nel campo della fisica statistica e della teoria dei campi, nonché unico membro italiano della National Academy of Sciences degli Stati Uniti d'America.

Nel corso della sua carriera ha vinto 18 premi per le sue scoperte nel campo della fisica, di cui l'ultimo solo pochi mesi fa (il premio Wolf per la fisica) "per le sue scoperte pionieristiche nella teoria quantistica dei campi, in meccanica statistica e nei sistemi complessi." Parisi è stato preside dell'Accademia dei Lincei, una delle istituzioni scientifiche più antiche d'Europa, dal 2018 al 2021. Oggi è ordinario di Fisica teorica dell’Università Sapienza di Roma e ricercatore associato dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn).

La nomina all'interno della lista Clarivate Citation Laureates gli è stata conferita sulla base delle citazioni accademiche che lo indicano come uno dei massimi esperti nel suo campo. In poche parole, per rientrare nei criteri dei selezionatori vengono elaborati dei calcoli sulla base di quante volte uno studioso viene citato all'interno delle pubblicazioni scientifiche. Un criterio molto stretto, che Parisi desidera dedicare ai collaboratori che negli anni lo hanno sostenuto nel suo lavoro.

Come racconta lo stesso fisico, infatti: "Nell’elenco vengono selezionati gli articoli con più di 2.000 citazioni: questi sono circa 6.500 su circa 52 milioni di quelli indicizzati dal 1970 ad oggi e rappresentano poco più dello 0,01% del totale considerato. Questo criterio restringe di molto il campo degli studiosi presi in considerazione per i Citation Laureates che attualmente sono circa 380, tra i quali si annoverano 59 Premi Nobel." "È una cosa importante e non so come mai finora nella classifica non abbiano mai menzionato un italiano che lavori in Italia. Sono il primo, speriamo porti fortuna!"

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x