Sabato, 29 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Gkn Firenze, licenziamenti ritirati. Fiom Cgil: "Oggi vincono le tute blu"

Dopo la manifestazione di domenica con 40 mila presenze davanti alla fabbrica, il giudice ha condannato la multinazionale per comportamento antisindacale

20 Settembre 2021

Gkn Firenze, licenziamenti ritirati. Fiom Cgil: "Oggi vincono le tute blu"

Licenziamenti ritirati per Gkn Firenze, l'impianto industriale finito sotto l'attenzione nazionale per l'improvviso licenziamento in tronco di centinaia di lavoratori. Un risultato che Fiom Cgil, che aveva avanzato il ricorso, porta a casa con soddisfazione: "Oggi vincono le tute blu"

Il giudice ha decretato che la multinazionale ha violato l'articolo 28 dello Statuto dei lavoratori, e ora l'accusa e di "comportamento antisindacale". Ma tra le file dei manifestanti, che hanno portato decine di migliaia di persone davanti ai cancelli della fabbrica domenica 19 settembre, rimane l'amaro in bocca. E ora viene chiamato in causa il Governo.

Domenica erano in 40 mila a manifestare

La vicenda è iniziata lo scorso 9 luglio 2021, quando l'azienda metalmeccanica ha deciso di licenziare in tronco 422 operai della fabbrica di Campi Bisenzio.

Il tribunale del lavoro di Firenze, che dall'inizio si occupa del caso, obbliga ora Gkn a "porre in essere le procedure di consultazione e confronto previste dall'articolo 9 parte prima del Ccnl e dall'accordo aziendale del 9 luglio 2020 indicato in motivazione; a pubblicare il testo integrale del presenze decreto a sue spese e per una sola volta sulle edizioni nazionali dei quotidiani 'La Repubblica', 'La Nazione', 'Corriere della Sera' e 'Il Sole 24 Ore'; al pagamento in favore del sindacato ricorrente delle spese di giudizio che liquida in complessivi 9.300 euro oltre Iva, cpa e contributo spese generali".

Ora la palla passa al Governo

Fiom Cgil festeggia il risultato. "Abbiamo vinto insieme ai lavoratori perché avevamo ragione, i licenziamenti alla Gkn sono illegittimi. Il Tribunale del lavoro di Firenze ha revocato l'apertura della procedura di licenziamento collettivo per le lavoratrici e i lavoratori della Gkn di Campi Bisenzio, accogliendo il ricorso depositato dalla Fiom di Firenze e riconoscendo, quindi, la violazione dell’articolo 28 dello Statuto dei lavoratori per comportamento antisindacale. Ringraziamo per l’ottimo lavoro il collegio legale della Fiom fiorentina e nazionale". Così hanno raccontato Francesca Re David, segretaria generale Fiom Cgil e Daniele Calosi, segretario generale della Fiom Cgil Firenze e Prato.

"Il ricorso è stato uno degli strumenti che la Fiom ha utilizzato in questa vertenza, insieme alla grande resistenza dei lavoratori e alla capacità di costruire intorno alla vertenza una rete di solidarietà, a partire dalla comunità fiorentina fino al resto del Paese, come dimostrato anche dall’imponente manifestazione di sabato scorso a Firenze", hanno detto i due esponenti sindacali: "Ora il presidente del Consiglio e il ministero dello Sviluppo economico facciano la propria parte, intervengano in tema di delocalizzazioni e a una soluzione che garantisca la ripresa produttiva e l'occupazione nello stabilimento per i lavoratori di Campi Bisenzio e di tutto l'indotto".

A commentare la vicenda sono anche gli stessi lavoratori uniti nel gruppo "Collettivo di fabbrica - Lavoratori Gkn Firenze", che a loro volta chiedono più attenzione al mondo del lavoro da parte della classe politica "Ci dicono che abbiamo vinto il ricorso per condotta antisindacale. Vedremo le conseguenze pratiche. La palla ripassa ancora più pesante al Governo. Non osate far ripartire quelle lettere. Cambiate la legge subito", chiedono in una nota pubblicata sui propri canali social.


"La mobilitazione continua perché non c'è salvezza fuori dalla mobilitazione. E perché ci sono trent'anni di attacchi al mondo del lavoro da cancellare", continua il post. "Stiamo imparando tante cose in questa lotta. Iniziamo anche a masticare qualcosa di finanza. E quindi, fossimo un azionista PLC Melrose inizieremmo a pensare che forse i nostri soldi non sono proprio in buone mani. Inizieremmo a diversificare il portafoglio. È una semplice opinione, sia chiaro. Noi non siamo azionisti del resto. Siamo gli operai Gkn. E questo è quanto. Noi non giochiamo in borsa. Facciamo semiassi. E insieme a tutti voi, noi insorgiamo"

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x