Venerdì, 03 Dicembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Massimo Gramellini contro Barbara Palombelli: "La causa della violenza non è nell’atteggiamento delle vittime"

"È la perdita del possesso e del controllo a scatenare la reazione omicida del maschio, non il carattere più o meno "esasperante" della donna"

18 Settembre 2021

Vaccino Covid e effetti collaterali, Palombelli choc: "Siamo solo cavie"

Fonte: Facebook profilo Barbara Palombelli

Barbara Palombelli è al centro di una bufera per le parole da lei pronunciate durante l'ultima puntata di Forum in merito ai femminicidi. “Questi uomini erano completamente fuori di testa, obnubilati, oppure c’è stato un comportamento esasperante, aggressivo anche dalle donne?“, ha domandato sollevando critiche e polemiche che non tendono a placarsi. Contro la giornalista non si sono scagliati solo i telespettatori, ma anche colleghi. È intervenuta anche l’ex presidente della Camera Laura Boldrini e sono arrivate proteste anche da Amnesty International Italia.

Massimo Gramellini contro Barbara Palombelli: andarsela a cercare 

"Qui parliamo della rabbia tra marito e moglie. Come sapete, negli ultimi sette giorni ci sono stati sette delitti. Sette donne uccise, presumibilmente da sette uomini. Questo soltanto per dire l’ultima settimana. A volte però è lecito anche domandarsi: questi uomini erano completamente fuori di testa, completamente obnubilati, oppure c’è stato anche un comportamento esasperante e aggressivo anche dall’altra parte? È una domanda, dobbiamo farcela per forza, perché dobbiamo, in questa sede soprattutto che è un tribunale, esaminare tutte le ipotesi". Queste le parole pronunciate da Barbara Palombelli a Forum, a commento di una vicenda affrontata nel tribunale televisivo, avente per oggetto la violenza sulle donne. Le affermazioni della giornalista hanno fatto il giro del web, indignando moltissime persone.

“No, non è lecito chiedersi se una donna abbia meritato di morire per mano di un uomo", ha replicato l’ex presidente della Camera Laura Boldrini. "La causa dei femminicidi è una sola - ha sottolineato - l’idea di possesso verso le donne che spinge gli uomini alla violenza. Punto e basta. Gravissime le parole di Palombelli, pronunciate per giunta in tv“.

Fra i vari giornalisti che hanno detto la loro c'è anche Massimo Gramellini che, sul Corriere della Sera, ha scritto quanto segue.

"Barbara Palombelli è una giornalista in gamba che ha fatto del garantismo la sua bandiera, ma stavolta le è scappato il piede sulla frizione. Commentando a Forum - programma di dispute giudiziarie di cui è conduttrice - la terrificante sequela di sette femminicidi in una settimana, si è chiesta: "Questi uomini erano completamente fuori di testa oppure c’è stato anche un comportamento esasperante e aggressivo dall’altra parte? La mia è una domanda. Essendo il nostro un tribunale, dobbiamo farcela per forza".

Ma anche no. Nel senso che sarebbe più urgente farsene prima altre. Una su tutte: che cosa esaspera davvero il novantanove virgola nove per cento (periodico) degli uomini violenti? Non il modo di fare della donna, ma il suo modo di essere, cioè il suo rifiuto di considerarsi una loro proprietà. È la perdita del possesso e del controllo a scatenare la reazione omicida del maschio, non il carattere più o meno "esasperante" della donna. Anzi, di solito i comportamenti aggressivi che precedono il femminicidio appartengono all’assassino.

Proprio mentre viene uccisa una donna al giorno, diventa pericoloso adombrare, anche solo per spirito anticonformista, che un femminicida possa essere stato provocato. Pur non volendolo, si finisce per alimentare una letteratura funesta, figlia di pregiudizi arcaici in via di troppo lenta estinzione, che individua la causa della violenza nell’atteggiamento delle vittime anziché in quello dei carnefici".

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x