Lunedì, 24 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Gino Strada, Emergency lo ricorda così: "Una amico che è morto felice"

I suoi collaboratori: "Non riusciamo a pensare di stare senza di lui, la sua sola presenza bastava a farci sentire tutti più forti e meno soli"

13 Agosto 2021

Gino Strada, Emergency lo ricorda così: "Una amico che è morto felice"

Fonte: lapresse.it

Gino Strada ha passato una vita all'insegna del prossimo e "Tra i suoi ultimi pensieri, c'è stato l'Afghanistan, ieri". Per questo "è morto felice. Ti vogliamo bene Gino." Questo il messaggio di cordoglio di Emergency che ha voluto ricordare il suo fondatore. "Non riusciamo a pensare di stare senza di lui, la sua sola presenza bastava a farci sentire tutti più forti e meno soli, anche se era lontano".

Gino Strada, Emergency lo ricorda così: "Una amico che è morto felice"

Il messaggio della Ong, pubblicato su Facebook, poi continua: "Il nostro amato Gino è morto questa mattina: È stato fondatore, chirurgo, direttore esecutivo, l'anima di EMERGENCY. I pazienti vengono sempre prima di tutto, il senso di giustizia, la lucidità, il rigore, la capacità di visione: erano queste le cose che si notavano subito in Gino. E a conoscerlo meglio si vedeva che sapeva sognare, divertirsi, inventare mille cose".

Anche la politica ha voluto dire addio a Gino Strada. "Oggi abbiamo perso una persona assolutamente motivata nel fare della sua vita una vera missione nella cura dei più deboli e nel contrasto alle fragilità sociali. Lo spessore del suo impegno umanitario ne ha fatto un personaggio del mondo intero, ma ci piace ricordarlo anche come parte della nostra comunità veneta, colui che ha scelto Venezia come residenza e come sede di alcune importanti attività della sua organizzazione", ha detto, il presidente della regione Veneto Luca Zaia.  

Mentre il Sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, nella sua pagina Facebook ha voluto ricordarlo così: "Ciao Gino! Qualche mese fa mi avevi proposto di realizzare qui a Venezia, insieme con EMERGENCY, il museo contro la guerra in collaborazione con Hiroshima. Oggi, come allora, rinnovo l’impegno mio e di tutta la Città nel portare avanti questo progetto. Una persona competente, coraggiosa e determinata. RIP".

"Sua lezione è difendere l'uomo", dice Roberto Speranza. "Sempre dalla parte degli ultimi". Infine il Premier Mario Draghi: "Strada ha trascorso la sua vita sempre dalla parte degli ultimi, operando con professionalità, coraggio e umanità nelle zone più difficili del mondo. L'associazione Emergency, fondata insieme alla moglie Teresa, rappresenta il suo lascito morale e professionale. Alla figlia Cecilia, a tutti i suoi cari e ai colleghi di Emergency, le più sentite condoglianze del governo". 

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x