Domenica, 25 Luglio 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Migranti morti in mare nel 2021, record oltraggioso di decessi nel Mediterraneo

Le nuove allarmanti statistiche riportate dall'Oim raccontano la drammatica situazione: raddoppiato il numero di morti in mare dal 2020

14 Luglio 2021

migranti

Migranti morti in mare: raddoppiato il numero dal 2020

Numeri choc per i migranti morti in mare nel 2021, l'Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim) riporta un aumento del +130% dei decessi di questo tipo rispetto al 2020. Raddoppiati i decessi avvenuti in mare durante i tragici sbarchi. Indignitose le condizioni che chi tenta lo sbarco deve sopportare. La maggior parte avviene ancora nel Mediterraneo. Dall'Oim l'ammonimento: gli Stati responsabili devono fare di più.

Migranti morti in mare nel 2021, record oltraggioso di decessi nel Mediterraneo

L'Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim) rende note le tragiche statistiche sulle morti in mare dei migranti. Sono raddoppiate rispetto al 2020. Stando al nuovo rapporto nel 2021 sono già morte 1146 persone durante il viaggio della speranza per arrivare in Europa. Sono ancora troppi i migranti morti in mare nel tentativo di raggiungere le coste europee nell'indifferenza degli stati dell'Ue. L'Oim ribadisce la responsabilità degli Stati che accolgono le barche migranti: servono misure urgenti. 

Comparando i dati con le statistiche del 2020, lo scorso anno sono morte 513 persone, meno rispetto alle 674 del 2019. Nel secondo anno della pandemia però, il numero è raddoppiato e le morti in mare destano preoccupazioni. Delle 1146 morti di quest'anno, ben 896 sono avvenute nel mediterraneo. Delle restanti, circa il 250 è occorsa nell'Atlantico, nel tentativo dei migranti di raggiungere le Isole Canarie.

Secondo il rapporto dell'Oim, la rotta più pericolosa è quella del Mediterraneo centrale, che ha registrato 741 morti, seguita a ruota dal Mediterraneo Orientale, con 159 morti. Solamente 6 migranti sono morti nella tratta che cerca di arrivare in Grecia attraverso la rotta marittima dalla Turchia.

Migranti morti in mare nel 2021, record oltraggioso di decessi nel Mediterraneo

La dichiarazione dell'Oim da Ginevra lascia poco spazio per l'interpretazione. Gli Stati membri dell'Ue, ma non solo, devono fare di più per contrastare la crisi umanitaria. Oltraggioso il numero di morti registrati e secondo quanto dichiarato dall'Organizzazione le cifre non sarebbero nemmeno accurate. Sono centinaia i "casi di naufragi invisibili" come segnalato dalle diverse organizzazioni internazionali che si occupano di prestare soccorso in mare. "Questi casi, estremamente difficili da verificare, mostrano che il numero di morti sulle rotte marittime verso l'Europa è molto più alto di quanto indicano i dati disponibili", dice a proposito l'Oim.

L'appello agli Stati arriva dal direttore generale dell'Oim Antonio Vittorino in una nota: "L'Oim ribadisce la richiesta agli Stati di adottare misure urgenti e proattive per ridurre la perdita di vite umane sulle rotte migratorie marittime verso l'Europa e per rispettare gli obblighi previsti dal diritto internazionale". Per combattere definitivamente la crisi migranti, spiega Vittorino, bisogna "aumentare gli sforzi di ricerca e soccorso, mettere in atto meccanismi di sbarco prevedibili e garantire l'accesso a rotte migratorie sicure e legali sono passi chiave per raggiungere questo obiettivo". 

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x