Venerdì, 19 Agosto 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Covid-19, vaccino? Due dosi non bastano più. Con le varianti serve la terza dose

Si fa largo l'ipotesi del secondo richiamo per i sieri anti coronavirus, probabilmente a partire da inizio 2022. Una necessità dovuta anche alla diffusione delle varianti

25 Giugno 2021

Vaccino

Vaccino (fonte foto Lapresse)

Una terza dose di vaccino contro il Covid-19? Più che possibile, anzi probabile. L'ipotesi continua a prendere corpo con il passare del tempo, a causa dell'aumento di contagi dovuti alle varianti, in particolare la variante Delta, e soprattutto per i dubbi che persistono sulla durata dell'immunità data dalle normali due dosi di vaccino. 

Vaccino anti Covid, serve la terza dose?

Un po' in tutto il mondo ricercatori, medici e istituzioni sanitarie si chiedono se una terza dose sia necessaria, magari a partire dall’autunno per chi era stato tra i primi a essere vaccinato all’inizio del 2021. Ancora non ci sono risposte e si continuano a effettuare ricerche per comprendere l'effettiva copertura garantita dai sieri.

Vaccino, Rasi: "Terza dose? Verosimile, ma aspettiamo gennaio" 

Sul tema iniziano a esprimersi anche specialisti italiani. Sarà necessaria la terza dose di vaccino? "Intanto facciamo la seconda dose a tutti... La terza dose prima o poi, è verosimile che si farà, ma personalmente penso che sarebbe saggio andare verso una terza dose modificata. Comunque non c'è questa urgenza e aspetterei fino a gennaio. Poi vediamo in base anche alle varianti", ha detto Guido Rasi, microbiologo e consulente del commissario per l'emergenza Figliuolo.

Le conseguenze della terza dose sulla campagna vaccinale

Un intervento influente, che chiarisce una volta di più che non è ancora completamente chiaro se l'organismo umano sviluppi o meno una memoria immunitaria del virus sul lungo periodo o se invece mantenga una memoria solo bel breve periodo e dunque torni poi a essere vulnerabile. 

Le conseguenze non sono solo sulla salute, ma anche sulla fattibilità della campagna vaccinale, già con qualche stop e arranco sulle due dosi. Soprattutto a causa della scarsità delle dosi disponibili. E' chiaro che la necessità di una terza dose causerebbe serie conseguenze sulla campagna vaccinale, soprattutto nei paesi meno provvisti di sieri.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x