Sabato, 28 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Boycott Vodka: cos'è la nuova campagna contro la guerra in Ucraina

Potrebbe essere questa la leva più efficace contro l'attacco della Russia all'Ucraina?

28 Febbraio 2022

Boycott Vodka: cos'è la nuova campagna contro la guerra in Ucraina

fonte: pixabay

Boycott Vodka: cos'è la nuova campagna social contro la guerra tra Russia e Ucraina? Partita da Canada e Usa, ora l'iniziativa sta coinvolgendo sempre più attività commerciali ed esercenti. Questi stanno provvedendo a rimuovere dagli scaffali dei propri negozi il drink russo. Alcuni addirittura lo versano in terra in segno di dissenso dalle scelte di Putin

Cos'è la nuova campagna social

Una guerra che sui social sta coinvolgendo moltissimi utenti, che, sentendosi impotenti, cercano di prendere una posizione con "piccoli" gesti. Proprio così è nato l'hashtag "Boycott Vodka" #BoycottVodka: boicottare la vodka in segno di protesta contro l'invasione russa dell'Ucraina. “Svuotate tutte le bottiglie di vodka russa e, insieme a munizioni e missili, speditele vuote in Ucraina affinché possano essere usate come bombe Molotov", ha twittato il senatore repubblicano Tom Cotton scagliandosi contro il drink russo per eccellenza.

Non è l'unico hashtag che sul web sta dilagando in queeste ora. Anche #BoycottRussia: tanti gli appelli per disinstallare il sistema di messaggistica instantanea Telegram, fondato dal russo Pavel Durov. Nel mirino degli utenti della rete anche il caviale e i tè russi e il gas, con la proposta di limitarne il consumo. Una protesta che sta dilagando in fretta anche in Europa.

Contro guerra Russia Ucraina

In Canada il "Liquor Control Board" dell'Ontario ha annunciato che i 600 punti vendita della provincia faranno a meno del prodotto russo. Un'azione che si sta espandendo velocemente anche in altre province. La Nova Scotia Liquor Corporation, che controlla le vendite di bevande alcoliche in tutta la Nuova Scozia, ha affermato che la vodka russa è stata rimossa dagli scaffali dei negozi e dal sito Web a causa dei “terribili eventi in corso”. 

Negli Stati Uniti, il "Jacob Liquor Exchange" in Wichita, Kansas, ha rimosso dalla vendita centinaia di bottiglie di vodka versandone il contenuto di una parte in terra in segno di disprezzo verso la violenza russa. In Oregon, il proprietario di un bar a Bend si è filmato mentre versava tutta la sua vodka russa, secondo FOX 12 di Portland. 

 

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x