Sabato, 20 Agosto 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Festa degli uomini, la gara di mangiatrici di banane in Friuli fa esplodere la polemica: VIDEO

Donne bendate che ingoiano i frutti tropicali di fronte e torme di uomini esaltati che le incoraggiano: questo l'apice carnevalesco della "Festa degli Uomini", bizzarra celebrazione friulana che esalta la virilità. La polemica: "E' sessista!"

02 Agosto 2022

A Monteprato di Nimis si terrà un evento dalle chiare connotazioni goliardiche: la "festa degli uomini", ricorrenza che si dovrebbe tenere il 2 agosto e celebra più o meno ironicamente le "passioni da maschietti". Dunque, giganteschi falli di legno messi un po' ovunque, il concorso di bellezza per il "David" più virile, e come gran finale la disfida delle "mangiatrici di banane", vale a dire una competizioni tra ragazze che dovranno, di fronte a frotte di maschi esagitati che urlano "facci godere!", mostrare la loro abilità nella fellatio mangiando più banane possibile (rette da un uomo in piedi) senza alzarsi dalle ginocchia. Ma non tutti l'anno trovata divertente: è già in corso una petizione per annullarla, che gode peraltro del patrocinio di Patrick Zaki.

Festa degli uomini, la sfida delle "mangiatrici di banane" scatena una polemica

Gli organizzatori non si sono mostrati molto turbati dalle accuse fioccate un po' da tutte le direzioni: replicano "è divertente", "è solo un gioco" e confermano che la competizione si svolgerà regolarmente. Del resto, rappresentava un piatto forte della celebrazione già da diversi anni (potete vedere in questa pagina il video risalente all'edizione del 2018). "Se non ci fossero partecipanti, non la faremmo" dicono: vale a dire, lo facciamo perché ci sono anche donne che si divertono.

Le accuse, com'è ovvio, non riguardano solo la natura squallida e volgare dello spettacolo, ma soprattutto di presentare una immagine distorta e sessista della donna, oggettificata e ridotta a mero strumento sessuale. "La questione della “Gara di mangiatrici di banane”, infatti, non è l’ennesima trovata goliardica, simpatica, innocua il cui unico obiettivo è riempire il programma. Il punto della questione è: perché il programma di questa festa non è stato immaginato diversamente? In altre parole, perché ciò che è festa per l’uomo, o festa dell’uomo, si traduce in una forma di oppressione, denigrazione, oggettificazione e sessualizzazione per la donna e della donna?": così leggiamo nel programma della petizione.

Patrick Zaki, lo studente italo-egiziano divenuto famoso a causa dell'ingiusta incarcerazione in Egitto, si è espresso con simile durezza: "Organizzare una 'Gara di mangiatrici di banane’ - aperta a sole donne - in occasione della celebrazione della festa degli uomini è del tutto inappropriato e inaccettabile. Chiedo gentilmente a tutti di firmare la petizione qui sotto per impedire che questo evento si verifichi".

Infine, un appello proveniente dalle autorità - Valentina Moro, membro della commissione friulana pari opportunità - e uno dai media: Elena Tuan, attivista social. "Ci sono poi anche i piccoli episodi agghiaccianti, che per quanto beceri un po’ il corso degli eventi li indirizzano, proprio perché la matrice culturale indirizza i comportamenti e ne siamo tutt* responsabili".

Nonostante la petizione abbia raggiunto un notevole numero di firme, sembra tuttavia che la "tradizione" avrà luogo regolarmente.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti