Mercoledì, 22 Settembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Incendi Sardegna, Elisabetta Canalis organizza raccolta fondi per la sua Regione

La ex velina assieme alla Dinamo Sassari (la squadra di basket) e al Banco di Sardegna, ha organizzato una raccolta fondi per la sua Sardegna, devastata dagli incendi

29 Luglio 2021

Incendi Sardegna, Elisabetta Canalis organizza raccolta fondi per la sua Regione

Fonte: lapresse.it

Elisabetta Canalis ha deciso di aiutare la Sardegna, sua terra natale, colpita da devastanti incendi, tramite una raccolta fondi. "Io, la Dinamo Sassari (la squadra di basket), il Banco di Sardegna scendiamo in campo per aiutare sia le persone, le attività, gli animali che sono stati colpiti dai roghi di questi giorni”, ha fatto sapere l'ex velina. "Questa emergenza mi ha toccato in prima persona perché io sono di Tresunaghes, mio papà era di lì, io ho casa lì (nell’Oristanese) - ha raccontato Elisabetta -. Contribuirò anch’io come spero tante altre persone in questa raccolta fondi”.

Incendi Sardegna, Elisabetta Canalis organizza raccolta fondi per la sua Regione

Parlando del presidente della squadra di basket e del direttore della banca Elisabetta dice: "Sono le persone che durante il Covid hanno fatto la raccolta fondi per aiutare gli ospedali sardi per ottenere le apparecchiature e tutto ciò che serviva per affrontare l’emergenza. Abbiamo raccolto insieme a loro una somma importante e sono stata felice perché mi hanno telefonato per dirmi: facciamo qualcosa per i roghi dell’Oristanese… L’emergenza è stata improvvisa…”.

E ancora: "Abbiamo raggiunto una somma di un milione e mezzo... E abbiamo utilizzato il 98% di queste risorse. Stiamo ancora continuando ad aiutare le strutture pubbliche", spiegano in video. Si parla di un plafond di 100milioni di euro per chi è stato danneggiato e gli aiuti verranno concessi a qualsiasi categoria di persone. Gli interventi dovrebbero essere di due tipi: la liquidità immediata, (20mila euro per le famiglie, 30mila per i piccoli imprenditori per un anno a tasso zero), e finanziamenti fino a 10 anni di durata.

Incendi in Sardegna, ultime notizie: la Regione chiede aiuto all'Ue

Pronto l'intervento di Vigili del Fuoco, Forestale, Protezione civile e Polizia di Stato. Ma non ancora sufficiente a domare le fiamme inarrestabili. Ci sono 7500 persone tra enti di emergenza e volontari che stanno lavorando per contenere i danni degli incendi, e in molti contano sull'arrivo, previsto nelle prossime ore, dei Canadir dalla Francia come chiesti dal ministro degli Esteri Luigi Di Maio. Gli elicotteri dovrebbero provare ad alleviare il carico dell'incendio intervenendo dall'alto, nonostante anche questa sia una mossa che dal punto di vista ambientale colpirà gravemente la regione. Come per tutti gli incendi naturali in Sardegna, caldo e vento sono stati la combo devastante che ha permesso al rogo scoppiato a Montiferru di estendersi fino all'Ogliastra. E nei 50 chilometri percorsi dalle fiamme, si è dovuto dire addio a moltissimi piccoli paesini sardi. E' stato il caso di Santu Lussurgiu, uno dei primi a essere travolti, seguito poi da Sennariolo, dove gli abitanti hanno lasciato le loro proprietà nel panico della notte.

La situazione è critica e il presidente della Regione, Christian Solinas, chiede aiuto anche all'Unione Europea. Non solo per l'invio dei velivoli anti-incendio, dalla sala operativa della Protezione civile chiede "un sostegno economico immediato per ristorare i danni e che una quota del PNRR sia subito destinata alla Regione per un grande progetto di riforestazione". Priorità assoluta per aiutare l'isola italiana, questo chiede Solinas, che ha evidenziato come "Non è ancora possibile effettuare una stima dei danni causati dagli incendi, ma si tratta di un disastro senza precedenti". 

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x