Mercoledì, 28 Luglio 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Covid, il Cts contro i no vax. Abrignani: "Sono come evasori fiscali, nessuna pietà"

Il docente di immunologia membro del Comitato tecnico-scientifico sull'atteggiamento dei no vax: "Evasione contro la comunità"

20 Luglio 2021

No Vax

No Vax (fonte foto Lapresse)

Chi decide di non vaccinarsi contro il Covid è da considerare alla stregua degli evasori fiscali: i no vax, non vanno capiti. Questa la ferma opinione del componente del Comitato tecnico scientifico per l'emergenza Covid Sergio Abrignani. Secondo il docente di immunologia rifiutarsi di ricevere il vaccino contro il Coronavirus sarebbe un oltraggio alla comunità, un gesto perseguibile per legge alla pari di un'evasione fiscale. Non è l'unico a pensarla così, come dimostrato dalle dichiarazioni di diversi politici negli ultimi giorni.

Covid, il Cts contro i no vax. Abrignani: "come gli evasori fiscali"

Non vaccinarsi contro il Covid-19 è farsi scudo degli altri con una decisione egoista. Una scelta apparentemente innocua che finisce per coinvolgere la comunità intera. Questo il pensiero alla base delle dichiarazioni del docente di immunologia dell'Università Statale di Milano Sergio Abrignani. "I no vax non vanno capiti, sono come gli evasori fiscali che pretendono che gli altri paghino per qualcosa che loro poi beneficiano. E' una evasione fiscale nei confronti della comunità, si fanno scudo con gli altri", ha dichiarato ospite del programma radiofonico "Radio Anch'io" su Radio Rai 1 nella mattinata di martedì 20 luglio

Nessuna pietà dunque per chi evade le tasse e per chi evade il diritto alla salute, compromettendo la libertà degli altri con la propria ottusità. Il componente del Comitato tecnico scientifico non va per il sottile e critica aspramente i no vax. Ma non è l'unico. Solo qualche giorno fa il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, aveva sconvolto con le sue dichiarazioni in materia di Green pass, dichiarando di volere vedere in zona rossa chi sceglie di non vaccinarsi: "Se sono favorevole al Green Pass? Sì, se dobbiamo tornare in zona rossa voglio che ci vadano quelli che non si sono vaccinati. Uno che si è vaccinato perché deve essere bloccato?", aveva detto ai microfoni di Rai News 24.

Cts, Abrignani: "Il Covid sempre più un'influenza"

Nessuna comprensione per i no vax, ma niente allarmismi per quanto riguarda il Covid. Sergio Abrignani si mostra positivo a proposito del Coronavirus: "Ho detto che si sta trasformando in un'influenza osservando i dati del Regno Unito - ha continuato nell'intervista a Radio Rai 1 - Intendo dire che la letalità di questa forma di Covid, quando si diffonde in una popolazione quasi completamente vaccinata come quella britannica, diventa una malattia con una letalità comparabile con quella dell'influenza. In Italia in un normale inverno l'influenza infetta da 4-8.000 persone e fa 1 morto su 1000 infettati".

Se la carica infettiva del virus di oggi è meno pesante di quella di inizio pandemia, l'immunologo ritiene comunque che  continuare con la campagna vaccinale sia una priorità assoluta. "Serve far vaccinare velocemente il maggior numero di persone in tutte le fasce sociali. Chi ha un minimo di nozione scientifica di una malattia infettiva pandemica dovrebbe dire questo, poi c'è la politica e ci sono i no-vax, ma da un ricercatore può arrivare un'unica risposta: vaccinare tutti".

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x