Giovedì, 29 Settembre 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Ponte sullo Stretto di Messina: storia di una "mission impossible"

"Perchè realizzare un'opera se puoi sognarla"? La frase di Pasolini si addice alla storia del Ponte sullo Stretto. Il Giornale d'Italia ripercorre le tappe di questa "mission impossible"

Di Maria Melania Barone

17 Agosto 2022

Ponte sullo Stretto di Messina: storia di una "mission impossible"

Ponte sullo Stretto di Messina l'Opera mai realizzata ma sempre sognata, del resto, come diceva Pierpaolo Pasolini nel Decameron: "Perchè realizzare un'opera se puoi sognarla"? Si addice perfettamente al Ponte sullo Stretto di Messina che occupa i sogni della politica e delle aziende italiane del 1969 ma per tanti impedimenti non viene mai realizzata. Ecco una panoramica delle tappe che ne hanno impedito la realizzazione.

Stretto di Messina, "l'equipe del Ponte": la storia di una mission impossible

Il Ponte sullo Stretto di Messina fu un'idea del 1969 bandito da un “Concorso internazionale di idee per un collegamento stabile viario e ferroviario tra la Sicilia ed il continente” che vide la presentazione di 143 progetti molti dei quali proposti da ingegneri italiani illustri tra cui il progetto di Pier Luigi Nervi, ingegnere di fama internazionale. Il progetto Nervi comprendeva un ponte a campata unica di 3 km con quattro piloni alti 392 metri.
Questi avrebbero sostenuto i cavi di sospensione che si sarebbero poi congiunti al centro con l'impalcato.
Poi fu la volta del progetto   Musumeci    che comunque non fu tenuto in debita considerazione e il Progetto del Ponte sullo Stretto si arenò, finché nel   2005    la Società Stretto di Messina SpA affidò aggiudicò a Eurolink, ATI guidata dal gruppo Impregilo, la gara per 
la realizzazione del ponte a    campata unica più lungo del mondo: l'offerta della società fu di    3,88 miliardi di euro.
Il cantiere sarebbe dovuto cominciare nel 2006 per 6 anni di lavori. Cominciarono le contestazioni locali, i problemi progettuali, le contestazioni degli studi finché tutto questo non bloccò per 3 anni i lavori che sarebbero dovuti iniziare nel dicembre 2009. Ma a questo punto variarono i costi: 6,3 miliardi di euro, il 40% di questi finanziati dallo stato e il 60% dai privati, tra cui    che avrebbe dovuto finanziare    1,3 miliardi. Il resto del capitale a finanziamento pubblico sarebbe dovuto essere corrisposto di anno in anno, sulla base delle disponibilità delle leggi finanziarie. 
La lievitazione del progetto sollevò le antenne della Corte dei Conti  che bloccò nuovamente i lavori sulla base degli importi sempre crescenti che il Ponte richiedeva: dal progetto del   2003 si prevedevano 3,88 miliardi, poi divenuti   4,68 nel 2005  e poi    6.349.802.000 euro nel 2009.    Nel luglio 2011 è stato completato il progetto definitivo del Ponte. I costi hanno raggiunto quota    8,5 miliardi di euro   , più del doppio di quello con cui Impregilo aveva vinto la gara.

Ponte sullo stretto di Messina: quanto ci costerebbe oggi?

Ma oggi corre il buon vento, di nuovo e i genovesi sanno navigare. Ma quanto verrebbe a costare oggi quest'opera titanica di 3 km? La domanda è d'obbligo: visto il pregresso, quanto ci costerebbe oggi il ponte sullo Stretto di Messina? Chissà, ma la domanda va fatta ancor di più oggi, visto che il 3 agosto 2022 il Ponte sullo stretto è di nuovo finito nello scaffale archivi dei sogni di alcune imprese italiane mai stati realizzati. 
"È il solito teatrino di questi che neanche torneranno in Parlamento, dato che sono stati dimezzati. Le Camere sono sciolte e il Governo non può prendere impegni".
Così Alessio Villarosa in Aula, commentando la bocciatura dell'odg sul Ponte sullo Stretto
E se perfino Draghi si è fatto dire "no" da un parlamento come questo cosa accadrà dopo il 25 settembre?
Staremo a vedere. Di certo c'è che oggi l'equipe del ponte di Genova potrebbe virare a vele spianate tra i venti dello Stretto.
di Maria Melania Barone

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x