Mercoledì, 18 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Renzi e Berlusconi, accordo o alleanza in vista? Miccichè ci prova: "Venga da noi"

Il dirigente di Forza Italia: "Vogliamo Italia viva di Renzi nel centrodestra"

28 Ottobre 2021

Renzi e Berlusconi, accordo o alleanza in vista? Miccichè ci prova: "Venga da noi"

Matteo Renzi (LaPresse)

Dopo il voto sulla tagliola che in Senato ha bloccato il Ddl Zan, c'è - nel centrosinistra come nel centrodestra - ventila l'ipotesi di un accordo o addirittura una alleanza tra Matteo Renzi e Silvio Berlusconi. Il primo a gettare la maschera, per così dire è stato, è stato, in un'intervista al Corriere della Sera il presidente dell'Assemblea regionale siciliana Gianfranco Miccichè.

Renzi e Berlusconi, accordo o alleanza in vista?

"Vogliamo il partito di Matteo Renzi nel centrodestra", ha detto Gianfranco Miccichè. Si tratta, continua, di "un obiettivo già raggiunto per le Comunali di Palermo. "Sceglieremo insieme il candidato per la successione a Leoluca Orlando, in primavera. Già deciso a cena", prosegue il dirigente di Forza Italia riferendosi all'incontro avuto con Matteo Renzi a Firenze. E ancora: "Nessun mistero. Deputati vicini a Renzi come Nicola D'Agostino e Edy Tamajo, con Sicilia futura, da tempo spingevano per un dialogo. E arriva l'invito di Renzi. 'Vieni a Firenze?'. Se mi porti da Pinchiorri, rispondo". "Collaborazione certa adesso con Renzi e con i nostri amici di Sicilia futura per Palermo. Poi vedremo per le Regionali", ha concluso Miccichè.

C'è un "evidente quadro politico", ha detto intanto Alessandro Zan, confermato da "quello che è successo in questi mesi". "Italia viva si è messa flirtare con il centrodestra, con la Lega", spiega. "Dopo che c’è stato il cambio ed è arrivato il governo di Draghi il partito di Renzi si è messo in testa di voler essere l’ago della bilancia del Senato. Ma forse non si sono resi conto di cosa stavano facendo".

E ancora: "Si sono avvicinati al partito che è amico di Orbán e di Duda, il leader ungherese e quello polacco. Orbán, capito? Quello che ha votato le leggi omotransfobiche. Che ha tappato la bocca ai giornalisti. Che ha chiuso le università", continua. "Basta sentire le dichiarazioni di Davide Faraone, il presidente di Italia viva al Senato. Parla e sembra che a parlare sia Salvini".

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x