Venerdì, 03 Dicembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Ruby Ter, Berlusconi assolto: anche i giudici spingono Silvio al Quirinale

Giornata piena di segnali positivi per il leader di Forza Italia. Prima la benedizione di Angela Merkel, poi quella dei giudici di Siena. Ecco perché Berlusconi sogna davvero di diventare presidente della Repubblica

21 Ottobre 2021

Ruby Ter, Berlusconi assolto: anche i giudici spingono Silvio al Quirinale

Silvio Berlusconi (foto Lapresse)

Prima Matteo Salvini e Giorgia Meloni, poi Angela Merkel, infine i giudici di Siena del Ruby Ter. Silvio Berlusconi incassa una serie di semafori (visto che con la coalizione verso il governo in Germania vanno di moda) verdi nella strada che secondo i suoi piani lo dovrà portare sul Colle. Proprio così, Silvio vuole diventare Presidente della Repubblica e la sentenza arrivata dal Tribunale di Siena lo convince ancora di più. I giudici della corte lo hanno assolto nell'ambito del processo Ruby Ter perché "il fatto non sussiste". Berlusconi era accusato del reato di corruzione in atti giudiziari, ma il presidente del collegio Simone Spina lo ha assolto insieme al pianista delle feste di Arcore, Danilo Mariani, al termine di una camera di consiglio durata appena un'ora. Tempistiche brevi che dimostrano il fatto che tra i giudici non ci sono stati dubbi: Berlusconi è innocente. 

Ruby ter, manovre politiche e abbracci con Merkel: così Berlusconi spera di arrivare al Colle

Gli avvocati del leader di Forza Italia hanno accolto la sentenza come un "grandissimo risultato" e come "il giusto epilogo di questo processo che forse si doveva fermare un po' prima". Federico Cecconi, uno dei legali, ha dichiarato: "Ho sentito Berlusconi poco fa, è evidentemente sollevato e soddisfatto". Una nuova spintarella alle ambizioni di Berlusconi verso il Colle, arrivata al termine di due giorni a dir poco intensi per il "vecchio leone" della politica italiana che prova a rilanciarsi per l'ennesima volta. 

Due giorni in cui gli appuntamenti sono stati nei due centri nei quali si è mosso politicamente in passato, tanto da far tornare ancora una volta indietro le lancette del tempo. Prima Berlusconi è stato a Roma per il vertice del centrodestra dopo la batosta alle elezioni comunali. Vertice nel quale Silvio ha chiesto a Salvini e Meloni di porre fine ai litigi interni. Pur archiviando, almeno per ora, il progetto di federazione del centrodestra, Berlusconi ha imposto ai due "junior" partner delle riunioni settimanali per discutere la linea da tenere. Salvini ha invece chiesto a Berlusconi una riunione tra i ministri del centrodestra per coordinare le scelte al governo.

Ma il vero cuore dell'incontro è stato sull'elezione per il Presidente della Repubblica in arrivo nel 2022. Sì, Silvio ci crede davvero. Berlusconi è convinto di potercela fare con il sostegno di tutto il centrodestra, soprattutto se si arrivasse alla quarta votazione. Secondo i calcoli, qualora riuscisse a convincere Italia Viva di Matteo Renzi, gli mancherebbero solo sei voti. Non impossibile, Renzi potrebbe ancora operare questo calcolo per evitare l'ascesa di Mario Draghi al Colle e le elezioni anticipate, la vera bestia nera dell'ex premier.

Da tempo Berlusconi ha rilanciato la sua immagine di moderato e responsabile. Non a caso è tra i più fervidi sostenitori del governo Draghi. Non a caso ha sposato la linea anti cinese degli Stati Uniti, il cui placet per sedersi su una poltrona importante in Italia non guasta mai. Non a caso ha tessuto pazientemente la tela anche a livello europeo, ripresentandosi a Bruxelles come garante del centrodestra italiano in ottica Partito popolare europeo. E' riuscito persino a strappare sorrisi e abbracci alla ex rivale Angela Merkel. La realtà è però che al momento FI rimane l'unico partito nella famiglia dei Popolari europei alleato di forze sovraniste e populiste, tenute alla larga dai Popolari e liberali in Germania, Francia, Spagna. Questo un piccolo neo che potrebbe ostruirgli la strada. Ma lui, come noto, non è uomo da mollare facilmente.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x