Venerdì, 03 Dicembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Lega, Fontana "blinda" Salvini: "Non c'è mai stata una voce che ha contestato la sua linea"

Il governatore lombardo: "Salvini è figura prioritaria e nessuno lo contesta"

19 Ottobre 2021

Lega, Fontana "blinda" Salvini: "Non c'è mai stata una voce che ha contestato la sua linea"

Fonte: lapresse.it

Il Governatore della Lombardia Attilio Fontana, a Mattino Cinque, anche dopo la sconfitta alle elezioni comunali, difende a spada tratta il leader della Lega Matteo Salvini. La sua figura "è ritenuta assolutamente prioritaria", dice. Nel partito, continua, "non mi sembra ci siano problemi di conflittualità, c'è una condivisione di messaggio. Credo che all'interno della Lega ci sia una sintesi e ci sia la volontà di ritenere assolutamente prioritaria la figura di Salvini. Non c'è mai stata una voce che ha contestato la linea di Salvini. Ma non una, non lo dico metaforicamente".

Lega, Fontana "blinda" Salvini

Secondo Fontana, "si deve andare avanti sulla nostra strada, è nel centrodestra che serve un chiarimento". Dopo l'esito dei ballottaggi, infatti, "penso che all'interno del centrodestra si debba fare qualche riflessione. Ci sono sicuramente delle proposte non comuni: bisogna cercare di mettersi d'accordo e trovare una sintesi. E' assurdo che in un Paese di centrodestra vinca il centrosinistra".

Po il Governatore è intervenuto in merito agli anziani morti di Covid19 al Pio Albergo Trivulzio un anno fa. Quella, dice, "è stata una speculazione indegna, sono stati pubblicati articoli vergognosi, io ero tranquillo perché anche la commissione presieduta da Gherardo Colombo aveva condotto un'indagine da cui era emerso che da parte del Pat non era stata fatta alcun tipo di violazione di norme e protocolli". E ancora: "Sono contento per Calicchio (Giuseppe, dg Pat, ndr) e per gli indagati, è la dimostrazione della serietà e della professionalità con cui è stato gestito il Pio Albergo, sono contento umanamente di sapere che non ci sono state responsabilità ed errori".

"Quello che forse la gente fatica a ricordare è che noi abbiamo affrontato una tempesta che si è scatenata per prima sul nostro territorio, all'inizio abbiamo dovuto cercare di reagire con le poche armi che avevamo", conclude il governatore.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x