Sabato, 25 Settembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Sondaggi politici oggi in Italia: Draghi piace, ma non al posto di Mattarella

Tanti i nomi possibili per il Quirinale, e boom di consensi all'idea di una donna alla guida del Paese

14 Settembre 2021

Sondaggi politici oggi in Italia: Draghi piace, ma non al posto di Mattarella

Sergio Mattarella (fonte foto Lapresse)

I sondaggi politici di oggi in Italia sono tutti dedicati al Quirinale: agli italiani Draghi piace, ma non al posto di Mattarella, per occupare la tanto ambita sedia della presidenza della Repubblica.

Il premier Mario Draghi continua a godere di una certa popolarità ma, secondo quanto emerge dalle statistiche raccolte nella giornata del 14 settembre, potrebbe essere una fase passeggera favorita dalla crisi sanitaria ed economica. Al contrario, una percentuale importante di italiani chiede che l'attuale presidente della Repubblica Sergio Mattarella rimanga al suo posto, anziché lasciare l'incarico come già anticipato dallo stesso Presidente nei mesi precedenti.

Il 35% degli italiani rivuole Mattarella

Una percentuale non indifferente, il 35% degli intervistati in merito alla sedia vacante per la presidenza della Repubblica, si è espressa a favore della riconferma di Sergio Mattarella. La domanda posta al gruppo intervistato riguardava infatti il prossimo presidente della Repubblica, fornendo come opzioni Mattarella, Draghi o un terzo nome.

Insieme alla rinomina di Mattarella, la maggioranza ha scelto la terza via. Ben il 30% delle risposte al sondaggio ha fatto quindi emergere forti perplessità nei confronti dell'attuale presidente del Consiglio Mario Draghi. Solo l'11% dei rispondenti si è detto a favore di Draghi Presidente, mentre il consenso nel ruolo di premier schizza a un dignitosissimo 60%. Insomma, Mario Draghi agli italiani per ora va bene dove sta.

E in quanto a un terzo nome? Sono tante le ipotesi su cui gli intervistati al sondaggio si sono espressi, da Berlusconi a Casini, passando da una rosa di nomi che non esclude Finocchiaro o Conte. Una cosa, però, emerge sopra tutte: ben il 70% dei rispondenti ha detto di essere estremamente a favore all'idea di un presidente della Repubblica donna. Un sentiment coerente con la popolarità di Giorgia Meloni, che oggi guida il partito più favorito d'Italia. Ma è ancora presto per parlare di ipotesi concrete, anche se le settimane dopo le elezioni comunali del 3 e 4 ottobre potrebbero rimescolare le carte in tavola.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x