Domenica, 09 Maggio 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Covid, Zingaretti continua nei suoi messaggi allarmisti: "Bisogna dire la verità"

L'ex segretario del Pd passato dagli aperivirus a "il Covid gira con varianti più infettive e pericolose"

03 Maggio 2021

Covid, Zingaretti continua nei suoi messaggi allarmisti: "Bisogna dire la verità"

Fonte: lapresse.it

L'ex Segretario del Pd Nicola Zingaretti ha dichiarato che l'emergenza dovuta al Covid non è ancora finita. "Bisogna avere il coraggio di dire la verità, cioè che il virus non è scomparso, circola e circola con varianti ancora più infettive". Queste le parole di Zingaretti, proprio lui che un anno fa aveva negato il Covid asserendo che "il vero virus è il razzismo", subito prima dii piombarsi nei locali - gli stessi che vuole tenere chiusi - a fare i suoi "aperivirus".

Covid, Zingaretti continua nei suoi messaggi allarmisti: "Bisogna dire la verità"

Nicola Zingaretti, presidente della Regione Lazio, ha parlato a "Uno Mattina" su Rai 1. "Il virus è ancora più pericoloso di un anno fa, di quando l'ho contratto io - ha ricordato Zingaretti - non bisogna abusare delle riaperture e bisogna stare attenti". "Dal Covid - continua - si esce in tre modi: con i vaccini, con soldi e finanziamenti per chi è in difficoltà e rispettando le regole individuali".

Parlando della sua regione: "Come tutta l'Italia anche noi abbiamo avuto una drammatica perdita di posti di lavoro, ma abbiamo due dati positivi: Eurispes ha confermato che il Lazio è la regione in cui negli ultimi anni è cresciuto di più il lavoro, continua una crescita delle pmi e ci sono miliardi di euro di investimento. Ovviamente la speranza, non solo del Lazio ma di tutta l'Italia, è nel Next Generation Eu".

Infine: "Questo investimento che il Governo sta preparando e che non dovrà solo far circolare denaro, ma farlo su linee di finanziamento di innovazione del nostro sistema produttivo: non dobbiamo tornare all'Italia che c'era prima del Covid, perché quella non creava lavoro ma diseguaglianze e troppe ingiustizie. Ora abbiamo una grande opportunità, che è la speranza di ritornare a lavorare. Con la campagna vaccinale e il Next Generation ci sono tutte le condizioni per dire che l'Italia ce la farà".

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti