Martedì, 19 Ottobre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Carola Rackete cambia direzione, ora propone "occupazioni anarchiche"

Carola Rackete sta presidiando un Campo di Lützerath per impedire a una multinazionale energetica del carbone di espropriare il terreno di un contadino

30 Settembre 2021

Salvini contro Carola Rackete

Fonte: lapresse.it

Carola Rackete ha cambiato direzione, ora propone "occupazioni anarchiche" e sta presidiando un Campo di Lützerath per impedire ad una multinazionale energetica del carbone di espropriare il terreno di un contadino. 

Carola Rackete propone "occupazioni anarchiche"

Carola si rifà viva, questa volta non per trasportare migranti clandestini o speronare navi militari, ora la ragazza occupa terreni e fa l'ambientalista radicale. Rackete ora è una che propone "occupazioni anarchiche". Occupazioni anarchiche signori, così le chiama lei. In un'intervista a Domani, Carola ha detto che "la lotta è comune ma il nostro movimento è molto radicale", specifica.  "Un'azione diretta può essere molto più incisiva di una simbolica", continua Carola. 

Iniziative del genere non sono affatto nuove ai giorni d'oggi, ma a lasciare molto perplessi è proprio l'ideologia che spinge la ragazza ad agire: un fritto misto di socialismo ambientalista, fanta economia grillina e movimentismo da Sardine. Lei se la prende col "patriarcato bianco" che "reagisce con violenza perché si sente sfidato dai giovani", tema fuori luogo, senza calcolare che pure lei è tedesca e bianca. Se i verdi chiedono un mondo più pulito con una "crescita verde", lei non è soddisfatta, anzi, non è abbastanza, perché non si può sostenere l'ambiente "senza mettere in discussione un sistema economico che si basa sull'illusione della crescita infinita". Alla proposte del green deal da parte dell'Ue, lei lo ritiene "completamente insufficiente". Inoltre, critica l'Europa perché "continua a parlare di crescita mentre è di ridistribuzione che dovremmo discutere". Va contro gli Stati che "non rispettano" gli accordi Parigi. "C'è chi ha troppo e chi ha niente", continua la ragazza. In poche parole Carola teorizza una sorta di "socialismo ambientale", convinta che "i problemi climatici" siano "la conseguenza di una serie di ingiustizie sociali". E che per trovare la "salvezza" occorra "cambiare le strutture di potere" attraverso la disobbedienza civile "pacifica". Teorie e discorsi assurdi, roba da ragazzini dei primi anni ribelli delle superiori.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x