Sabato, 29 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Afghanistan, Onu denuncia: "Talebani hanno iniziato esecuzioni sommarie". Ma Biden non sente

L'Alto Commissariato per i diritti umani: "C'è bisogno di un'azione coraggiosa e vigorosa per monitorare la situazione dei diritti umani nel Paese". Biden però conferma il ritiro

25 Agosto 2021

Afghanistan, Onu denuncia: "Talebani hanno iniziato esecuzioni sommarie". Ma Biden non sente

Talebani (fonte Instagram)

Michelle Bachelet, l'Alto Commissario dell'Onu per i diritti umani, ha denunciato gravi violazioni nelle zone sotto il controllo dei talebani in Afghanistan. Le prove sarebbero contenuti in alcuni rapporti ritenuti credibili. Tra le violenze ci sarebbero state anche parecchi "esecuzioni sommarie"

Afghanistan, Onu: "Talebani hanno iniziato esecuzioni sommarie"

L'ex presidente cilena ha quindi esortato il Consiglio per i Diritti Umani a prendere "un'azione coraggiosa e vigorosa" per monitorare la situazione dei diritti umani nel Paese. Intanto però il presidente Usa Joe Biden non sente, forse a causa dell'età ormai avanzata o forse perché non vuole sentire. Si è infatti concluso il G7 dei leader in videoconferenza sull'Afghanistan, in cui il presidente Usa avrebbe confermato il 31 agosto come data ultima per il ritiro delle truppe dalla nazione. Lo ha reso noto su Twitter il portavoce del presidente del Consiglio europeo Charles Michel. Lo hanno inoltre confermato fonti dell'amministrazione americana alla Cnn. Biden, secondo quanto riferito, ha preso la decisione consapevole dei rischi per la sicurezza in caso di un prolungamento della presenza, ma ha comunque chiesto dei piani di emergenza per rimanere più a lungo se necessario.

"Oggi terrò una riunione d'emergenza del G7 per coordinare la nostra risposta alla crisi in Afghanistan", ha scritto in un tweet anche il premier britannico Boris Johnson. "Chiederò ai nostri amici e alleati di essere al fianco del popolo afghano e di rafforzare il sostegno per i rifugiati e l'assistenza umanitaria. Continueremo a usare ogni leva umanitaria e diplomatica per salvaguardare i diritti umani e le conquiste in Afghanistan negli ultimi 20 anni. I Talebani verranno giudicati dalle loro azioni e non dalle parole".

"Se gli Stati Uniti o il Regno Unito dovessero volere più tempo per proseguire i trasferimenti, la risposta è 'no'", ha intanto fatto sapere un portavoce dei talebani. "O ci sarebbero conseguenze", ha minacciato, parlando della "sfiducia che si creerebbe". "Se sono intenzionati a proseguire l'occupazione questo provocherebbe una reazione", ammoniscono.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x