Venerdì, 27 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

L’ACQUARIO ROMANO E LA NOTTE DEI MUSEI - 14 MAGGIO 2022

Per Remo Tagliacozzo “l’inserimento dell’Acquario Romano nelle manifestazioni legate alla notte dei Musei, segna l’inizio di una nuova avventura”

12 Maggio 2022

L’ACQUARIO ROMANO E LA NOTTE DEI MUSEI - 14 MAGGIO 2022

In occasione della Notte dei Musei, l’Acquario Romano, una perla incastonata nel cuore della città eterna, apre le sue porte. La bellissima costruzione ottocentesca dal fascino singolare, progettata dall’architetto Ettore Bernich, accoglierà il visitatore per sperimentare una originale esperienza di visita. La narrazione di Nicoletta Cardano, storica dell’arte, condurrà il visitatore lungo il percorso storico dell’edificio durante il quale prenderanno vita alcuni dei personaggi che nel tempo hanno contribuito a renderlo unico nel suo genere, attraverso spettacoli e performance a cura della Compagnia Nazionale di Danza Storica diretta da Nino Graziano Luca, reduce da numerosi successi Internazionali, della Soprano Cinzia D’Astola Perroni, artista poliedrica che vanta collaborazioni con Andrea Bocelli ed Ennio Morricone e premiata da Sua Altezza Reale Duca di Kent,  accompagnata dal maestro Luca Falera, pianista e organista di fama internazionale e di Cristiano Perrucci, attore e musicista diretto tra gli altri da Gabriele Muccino e Nanni Moretti.


Il Complesso monumentale dell’Acquario Romano ha origine da un’idea dell’ittiologo Pietro Garganico che secondo la visione innovativa di Quintino Sella propose nella nuova Capitale la realizzazione di una moderna struttura scientifica.
Un edificio con funzione di Acquario e stabilimento di piscicoltura a due passi dalla stazione che doveva funzionare come polo di attrazione e struttura didattica.
Importanti resti delle mura Serviane, le più antiche della città, si trovano dentro il bellissimo giardino, dove una volta si trovava un laghetto con il suo ponticello e dove si possono ancora ammirare alcune storiche e meravigliose piante ornamentali
L’edificio che presenta continui richiami all’iconografia legata all’acqua e alla pesca e che nel tempo è stato anche salone per le feste, sala cinematografica e deposito delle scenografie del teatro dell’opera di Roma, ospita oggi la sede della Casa dell’Architettura e dell’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Roma e provincia con attività culturali e formative rivolte alla valorizzazione dell’ambiente e del design.

Le parole di Remo Tagliacozzo


Una sfida nella sfida, come racconta in un’intervista Remo Tagliacozzo, Amministratore Unico dell’Acquario Romano srl, società in house dell’Ordine degli Architetti di Roma: “L’idea di incrementare la visibilità di un luogo incantato, ancora poco conosciuto, attraverso le performance di artisti e l’inserimento dell’Acquario Romano nelle manifestazioni legate alla notte dei Musei, segna l’inizio di una nuova avventura.  Una mission fatta di progettualità, ricerca ed innovazione, che mi pregio di affrontare con la passione di sempre e l’esperienza di aver diretto Zetema in un momento difficilissimo come quello della pandemia. La cultura a Roma si fortifica anche con realtà poco conosciute legate però ad un filo storico culturale immortale”.  


L’Acquario Romano aspetta numerosi i romani ed i turisti, con il suo aspetto imponente e per molti quasi misterioso, nel cuore del quartiere Esquilino.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x