Lunedì, 24 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Covid, scoperta la cura? Da Israele un farmaco miracoloso: 93% dei pazienti guariti

Tel Aviv è alle prese con una nuova ondata di contagi e si lancia nella campagna per la terza dose del vaccino. Ma intanto sempre dallo stesso paese arriva un farmaco che sembra poter davvero curare il coronavirus

11 Agosto 2021

Coronavirus

Coronavirus (fonte foto Lapresse)

Si chiama MesenCure e, se i dati raccolti fin qui venissero confermati, potrebbe mettere d'accordo davvero tutti. Si tratta di un farmaco testato in Israele (dove si sta vivendo una quarta ondata di contagi nonostante l'altissima percentuale di vaccinati) che ha avuto fin qui risultati straordinari: chi lo ha assunto è guarito nel 93% dei casi ed è stato dimesso dall'ospedale in massimo cinque giorni. Risultati talmente incoraggianti che il ministero della Salute israeliano ha approvato l'estensione del suo utilizzo, mentre si stanno realizzando i test di fase III, l'ultima prima di potergli effettivamente dare l'etichetta di cura anti Covid.

Covid, guarito il 93% dei pazienti trattati col farmaco di Israele

Ma come funziona il MesenCure? Si tratta di un trattamento innovativo che ha aiutato 14 dei 16 pazienti gravi che lo hanno assunto a guarire in tempi brevi. Il farmaco è testato dal Rambam Medical Center e consiste in cellule mesenchimali stromali attivate isolate dal tessuto adiposo di donatori sani, riduce l'infiammazione e allevia i sintomi respiratori e di altro tipo nei pazienti che soffrono di di stress respiratorio potenzialmente letale causato dal Covid-19. 

Farmaco anti Covid in Israele, dati straordinari

Già negli scorsi mesi, la società aveva riferito di aver testato il rimedio su pazienti di età compresa tra 45 e 75 anni, tutti con sintomi gravi. Il 90% aveva comorbilità. I dati hanno mostrato una diminuzione del 40% dell'infiammazione polmonare grazie al trattamento. Un mese dopo, l'infiammazione polmonare ha raggiunto l'1%. La saturazione di ossigeno nel sangue è invece aumentata al 95% e la funzionalità polmonare è tornata a livelli pressoché normali nel giro di un mese soltanto.

Farmaco anti Covid in Israele, via alla fase III di test

Per questo ora, il ministero israeliano ha approvato la possibilità per qualsiasi ospedale israeliano di prendere parte ai test e di utilizzare il farmaco per altri pazienti. Lo studio di fase III coinvolgerà circa 155 pazienti e potrebbe davvero rappresentare una svolta nel contrasto alla pandemia. La ricerca avrà luogo in Israele ma è possibile che anche altri centri vengano coinvolti nel caso in cui il numero di pazienti nel Paese non tocchi la cifra necessaria allo svolgimento dello studio.

Terza dose di vaccino in Israele, ma si spera nella cura

Israele si trova in questo momento alle prese con la quarta ondata di contagi e i dati dicono che la protezione garantita dal vaccino scende drasticamente col tempo. Chi ha assunto la dose a gennaio, infatti, si vede ora la protezione abbassata al 16%. Troppo poco, anche se il siero continua a proteggere dalle forme più gravi di infezione. Ma se il nuovo farmaco si rivelasse davvero la cura tanto agognata, il futuro prossimo di Israele e del mondo intero potrebbe cambiare.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x