Martedì, 28 Settembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Roberto Calasso è morto dopo una lunga malattia: addio all'editore di Adelphi

Ci lascia oggi Roberto Calasso, punto di riferimento nel panorama culturale italiano. Aveva solo 21 anni quando collaborò alla fondazione della casa editrice milanese Adelphi

29 Luglio 2021

Roberto Calasso è morto dopo una lunga malattia: addio all'editore di Adelphi

Fonte Facebook Ruben De Lorenzo

É morto questa mattina a Milano Roberto Calasso, scrittore ed editore, all'età di 80 anni: purtroppo era malato da tempo. E proprio oggi, giovedì 29 luglio 2021, la sua amata casa editrice ha pubblicato due suoi libri - 'Bobi' e 'Memé Scianca' - volumetti autobiografici in cui Calasso raccontava la sua infanzia e la sua giovinezza. 

Roberto Calasso è morto dopo una lunga malattia: addio all'editore di Adelphi

Considerato uno degli intellettuali italiani più influenti di questi anni, Roberto Calasso è scomparso oggi, proprio nel giorno in cui la sua casa editrice aveva programmato l'uscita di due suoi libri autobiografici. Calasso era direttore editoriale di Adelphi e aveva una grande carriera letteraria alle spalle. Oggi ad omaggiare Calasso nel miglior modo è la giornalista e scrittrice Loredana Lipperini secondo la quale, apprendere la notizia della sua morte "è come veder finire un mondo", scrive su Twitter.

Punto di riferimento per il panorama culturale italiano, l'editore era nato a Firenze il 30 maggio del 1941 ed era stato tra i primi collaboratori di Adelphi fin dalla sua fondazione, nel 1962. Nove anni dopo, nel 1971, ne era diventato direttore editoriale e nel 1990 anche consigliere delegato. Nel 1999 invece venne nominato presidente della casa editrice. Dal 2015 inoltre l'intellettuale era diventato il principale proprietario di Adelphi, dopo aver comprato il 58% delle quote del gruppo.

Ma Roberto Calasso era anche uno scrittore. Dalla sua mano uscirono libri come Le nozze di Cadmo e Armonia, La Folie Baudelaire, ma anche il più recente Come ordinare una biblioteca o L’impronta dell’editore del 2013, che racconta parte della storia di Adelphi. Come lui stesso ha scritto, aveva solo 21 anni quando, insieme all'amico e collega Roberto Bazlen, collaborò alla nascita della casa editrice milanese. Adelphi fu poi fondata da Luciano Foà e Roberto Olivetti.

Calasso aveva l'amore per le lettere e la cultura nel sangue: il nonno infatti era Ernesto Codignola, il noto fondatore della Nuova Italia. Da ragazzo aveva frequentato il Liceo Tasso di Roma e poi aveva conseguito la laurea in Letteratura con il professore Mario Praz. L'editore aveva poi sposato la scrittrice svizzera Fleur Jaeggy e aveva avuto due figli - Josephine e Tancredi - da un'altra autrice straniera, Anna Katharina Fröhlich.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x