Domenica, 25 Luglio 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Raffaella Carrà morta, a gennaio si era schierata a favore del vaccino Covid

Nella giornata di lunedì 5 luglio 2021 è morta Raffaella Carrà: solo pochi mesi prima aveva dichiarato che per ripartire era indispensabile accettare il vaccino contro il Covid

05 Luglio 2021

Raffaella Carrà morta, a gennaio si era schierata a favore del vaccino Covid

Fonte: lapresse.it

Raffaella Carrà è morta nella giornata di lunedì 5 luglio. Figura è importante nella storia della musica e della televisione italiana, solo pochi mesi fa, a gennaio, aveva usato la sua grande influenza per dire a tutti che è importante vaccinarsi contro il Covid 19. Rimane "importante spiegare perché bisogna fare il vaccino" contro il Covid 19, diceva. "Quando toccherà a me lo farò sicuramente".

Raffaella Carrà morta, a gennaio si era schierata a favore del vaccino Covid

Questo "perché ho visto troppe persone, anche qualche amico, che ha sofferto tantissimo per combattere il coronavirus", continuava ha spiegare l'artista a Che tempo che fa. "Allora non è meglio farsi il vaccino?", si domandava. "Hai la libertà di uscire, di viaggiare, di vivere praticamente".

Solo qualche tempo prima Raffaella Carrà aveva dichiarato: "Dobbiamo per forza vedere nei tg tutti questi aghi che entrano nelle braccia delle persone? Quello fa paura e dà angoscia. Invece è importante spiegare perché bisogna fare il vaccino. Quando toccherà a me lo farò sicuramente". E ancora: "Nella mia umile esperienza, penso che questa storia durerà almeno un anno e mezzo, due, quindi non perdiamo di vista le tre regole fondamentali: mantenere la distanza, mettere le mascherine e lavarsi le mani”.

Queste ultime parole risalivano al dicembre 2020, e, Raffaella Carrà aveva aggiunto che avrebbe fatto, durante la festa di capodanno, un rituale scaramantico per il nuovo anno. "Tanti anni fa prendevo la bottiglia vuota usata per il brindisi di mezzanotte, soffiavo dentro tutte le cose brutte dell’anno e la tiravo contro un muro. Per me rompere la bottiglia è una piccola scaramanzia", asseriva. "Quest’anno lo farò pensando alle rogne, ai fastidi e ai dolori di questo 2020. Mi aspettavo un anno bello ma è stato cattivissimo”, aveva concluso Raffaella Carrà.

Subito dopo la notizia della morte della grande artista, tuttavia, queste dichiarazioni sono state riprese e usate dai no-vax per fare illazioni contro appunto il vaccino che protegge dal Covid 19. Decine di commenti, e per la verità anche qualche articolo apparso online, sono apparsi contro i vaccini e alcuni hanno addirittura asserito, in mancanza di prove, che potrebbe essere stato proprio il vaccino la causa della morte di Raffaella Carrà.

Raffaella Carrà è morta: aveva 78 anni

"Raffaella ci ha lasciati. È andata in un mondo migliore, dove la sua umanità, la sua inconfondibile risata e il suo straordinario talento risplenderanno per sempre". Con queste parole Sergio Japino dà il triste annuncio unendosi al dolore degli adorati nipoti Federica e Matteo, di Barbara, Paola e Claudia Boncompagni, degli amici di una vita e dei collaboratori più stretti. Noi, insieme a tutti i fan, ci uniamo al cordoglio del mondo dello spettacolo. 

Raffaella Carrà si è spenta alle ore 16.20 di oggi, dopo una malattia che da qualche tempo non le lasciava pace. "Nessuno sapeva. Mancava da casa da un po', ma i vicini pensavano fosse nell'altra sua casa", dicono a Estate in Diretta. Difficile immaginarla malata data la sua inestinguibile e straripante energia. Fino all'ultimo la sua forza non l'ha mai abbandonata, facendo si che nulla trapelasse della sua profonda sofferenza. Forse un grande gesto d'amore verso il suo pubblico e verso coloro che ne hanno condiviso l'affetto, affinché il suo personale calvario non avesse a turbare il luminoso ricordo di lei.

Donna fuori dal comune eppure dotata di spiazzante semplicità, non aveva avuto figli ma di figli - diceva sempre lei - ne aveva a migliaia, come i 150mila fatti adottare a distanza grazie ad Amore, il programma che più di tutti le era rimasto nel cuore. Le esequie saranno definite a breve. Nelle sue ultime disposizioni, Raffaella ha chiesto una semplice bara di legno grezzo e un'urna per contenere le sue ceneri. Nell'ora più triste, sempre unica e inimitabile, come la sua travolgente risata.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x