Sabato, 24 Luglio 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Covid Italia: tutti i numeri positivi, ma già c'è chi progetta lockdown a ottobre

Continuano a calare i morti e i contagi da Covid 19 in Italia, ma i "nostalgici" delle restrizioni stanno spingendo per nuove chiusure a ottobre

02 Luglio 2021

Covid Italia: tutti i numeri positivi, ma già c'è chi progetta lockdown a ottobre

Fonte: lapresse.it

Calano i contagi e i morti da Covid 19 in Italia. Cala anche l'indice Rt, ora allo 0,60. Eppure c'è chi progetta nuovi lockdown e nuove restrizioni anticostituzionali e liberticide già a partire da settembre e ottobre 2021. Al momento nessuno numero giustifica tali restrizioni, anzi nessun numero a mai veramente giustificato nessuna della varie restrizioni che sono state messe in atto in quest'ultima anno e mezzo di pandemia. Ma i lockdown sembrano piacere a molti, a cominciare da politici come il Ministro della Salute Roberto Speranza, come a qualche professorone come Massimo Galli. La nuova scusa, il nuovo pretesto per le nuove restrizioni si chiama, questa volta, variante Delta. Ma non è finita, adesso, come se non bastasse, è da poco spuntata anche la variante Kappa.

Covid Italia: tutti i numeri positivi, ma già c'è chi progetta lockdown a ottobre

Dopo due settimane stabili l’indice Rt si attesta a 0,63, in diminuzione rispetto allo 0,69 della passata rilevazione. Giù anche l'incidenza, "con valori molto al di sotto della soglia di 50 casi per 100.000 abitanti ogni 7 giorni". In particolare, secondo i dati del flusso Iss, nel periodo 21-27 giugno "l’incidenza settimanale si attesta a 9 per 100.000 abitanti contro i 12 per 100.000 abitanti della rilevazione precedente". "La campagna vaccinale progredisce velocemente e l’incidenza è a un livello che permetterebbe il contenimento dei nuovi casi. L’effettuazione di attività di tracciamento sistematico possono consentire una gestione basata sul contenimento ovvero sull’identificazione dei casi e sul tracciamento dei loro contatti", si legge nel report Iss-ministero della Salute.

Tuttavia le buone notizie finiscono qui. "Sebbene in assoluto i nuovi casi di siano in diminuzione, la proporzione di casi di infezione da coronavirus causati da varianti Delta e Kappa è in aumento in Italia. La maggior parte di questi casi è attribuibili a focolai circoscritti riportati in varie parti del paese", evidenzia la bozza. "Poiché la variante Delta sta portando ad un aumento dei casi anche in Paesi con alta copertura vaccinale, è opportuno realizzare un capillare tracciamento e sequenziamento dei casi", si legga ancora. Per questo "è necessario raggiungere una elevata copertura vaccinale ed il completamento dei cicli di vaccinazione per prevenire ulteriori recrudescenze di episodi di aumentata circolazione del virus sostenute da varianti emergenti con maggior trasmissibilità".

"Sulla base dei dati e delle previsioni Ecdc, della presenza di focolai causati dalla variante virale delta in Italia e delle attuali coperture vaccinali, è opportuno mantenere elevata l’attenzione, così come applicare e rispettare le misure necessarie per evitare un aumento della circolazione virale".

Covid in Italia, Galli: "Variante delta presto dominerà"

Anche il responsabile di Malattie infettive dell’Ospedale “Sacco” di Milano Massimo Galli, ospite della trasmissione Agorà Estate su Rai3, conferma la necessità di tenere alta la guardia sulla mutazione che sta creando non pochi problemi in Regno Unito, "ma francamente", continua, "non credo che si possa pensare al rischio di una nuova ondata pandemica con la portata e le caratteristiche di quella dello scorso anno". 

Galli dunque esorta nell’accelerazione del ritmo vaccinale. "La preoccupazione è per gli over 60", spiega, "e a oggi appare inaccettabile anche un solo morto a causa del Coronavirus". Infine: "Dobbiamo solo sperare che, pur preponderante, non porti centinaia o migliaia di casi. Dobbiamo fare le cose bene e farci arrivare anche altro virus dall’Inghilterra non è per nulla una brillante idea".

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x