Venerdì, 25 Giugno 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Saman Abbas, ultime notizie: prima di essere uccisa non portava il velo

Le riprese del 27 aprile mostrate in esclusiva a Diritto e Rovescio mostrano la ragazza camminare per strada, con il cellulare in mano, senza velo

11 Giugno 2021

Saman Abbas, ultime notizie: prima di essere uccisa non portava il velo

Fonte: Facebook

Sono state rilasciate in esclusiva al programma televisivo Dritto e Rovescio le ultime immagini di Saman Abbas ancora viva. A registrarle è una telecamera di sorveglianza. La giornata, il 27 aprile, data dell'ultimo avvistamento prima della scomparsa. Con lei lo zio e due cugini, proprio quelli che attualmente sono i primi nella lista degli indagati per l'omicidio della diciottenne.

Saman Abbas, gli ultimi attimi della ragazza viva prima della tragica scomparsa

Cammina tranquilla Saman Abbas, in compagnia del fratello. Secondo le ricostruzioni rese possibili anche grazie alle registrazioni delle telecamere di sorveglianza, si stava recando al casolare dello zio e dei cuginiVestito tradizionale pakistano, ma niente velo, lo sguardo fisso sul cellulare, costantemente in mano. Un ritratto come tanti di una qualsiasi diciottenne dal background multiculturale che vive in Italia. Ma per Saman, quella passeggiata è stata probabilmente l'ultima. Costretta a scegliere tra le sue molteplici identità culturali, Saman Abbas si era opposta al matrimonio combinato con un cugino più grande di lei. Dopo il 27 aprile, giorno ripreso dal filmato, la scomparsa. Qualche settimana dopo, si pensa già all'ipotesi di omicidio.

Saman Abbas, le ultime ore di vita: non portava il velo 

Saman Abbas amava l'Italia e voleva sposarsi per amore. Il suo fidanzato, anch'egli pakistano, non era abbastanza per la famiglia e la pressione delle tradizioni ha avuto il sopravvento. Nel video Saman non porta il velo, ha i capelli raccolti e sembra tranquilla. Nel filmato incriminante per i parenti di Saman poi, una pala, un piede di porco, e i famigliari che si dirigono verso un campo. Dettagli scabrosi in questa vicenda famigliare che ha sconvolto l'Italia e che ha fatto tanto discutere di alcune tradizioni culturali da abbandonare.

Infervorato anche Paolo Del Debbio, conduttore di Dritto e Rovescio, che durante la trasmissione ha detto: "La vedete vestita così Saman, come lei non voleva vestirsi. La giovane pakistana ma residente a Reggio Emilia voleva occidentalizzarsi, al punto che avrebbe voluto farsi chiamare Laila. Io sono molto incazzato perché Saman aveva il diritto dell'autodeterminazione". Se davvero l'abito tradizionale a Saman non piacesse non ci è dato sapere, ma ciò che è chiaro è che la ragazza voleva emanciparsi dalle pressioni della famiglia. Riguardo alla cultura pakistana, l'aveva a volte definita troppo radicale, probabilmente proprio in riferimento alla tradizione dei matrimoni combinati. 

Del corpo di Saman ancora nessuna traccia. I carabinieri stanno scavando nei dintorni di Novellara, in Emilia Romagna, dove lo zio della ragazza aveva un casolare. Nel frattempo, uno dei cugini di Saman Abbas, Ikram Ijaz, arrivato in Italia dopo l'estradizione dalla Francia, ha incontrato il suo avvocato in un colloquio lungo sei ore.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x