Mercoledì, 14 Aprile 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Tracce Covid su bus e treni, lo dicono i Nas: ma per il Governo il problema sono i bar

Riscontrati 32 casi di positività sulle linee di trasporto pubblico di Roma, Viterbo, Rieti, Latina, Frosinone, Varese e Grosseto.

06 Aprile 2021

Covid su bus e treni

Fonte: lapresse.it

I Nas hanno trovato tracce del Covid sulle superficie di bus e treni. La scoperta dei Carabinieri del Nas, d'intesa con il ministero della Salute, è avvenuta durante una campagna di controlli a livello nazionale per la corretta applicazione delle misure di contenimento epidemico sui servizi di trasporto pubblico. I militari, come si legge in una nota, hanno eseguito "756 tamponi di superficie su mezzi di trasporto e stazioni (obliteratrici, maniglie e barre di sostegno per i passeggeri, pulsanti di richiesta di fermata e sedute), rilevando 32 casi di positività per la presenza di materiale genetico riconducibile al virus all’interno di autobus, vagoni metro e ferroviari operanti su linee di trasporto pubblico a Roma, Viterbo, Rieti, Latina, Frosinone, Varese e Grosseto".

Tracce Covid su bus e treni, la scoperta dei Nas

I test sono stati eseguiti in collaborazione con i servizi locali di Asl, agenzie di protezione ambientale ed enti universitari. Le analisi, continua la nota, hanno "rilevato con certezza il transito e il contatto di individui infetti a bordo del mezzo, determinando la permanenza di una traccia virale". Anche se questa, precisa, non è "indice di effettiva capacità di virulenza o vitalità" del virus.

Gli interventi condotti hanno interessato 693 veicoli, tra autobus urbani ed extraurbani, metropolitane, scuolabus, collegamenti ferroviari locali e di navigazione. Hanno riguardato però anche biglietterie, sale di attesa e stazioni metro. Tra questi, 65 hanno evidenziato irregolarità, connesse con l’inosservanza delle misure di prevenzione al contagio da Covid-19. Per esempio, in molti di posti esaminati si è registrata la mancata esecuzione delle operazioni di pulizia e sanificazione, l’omessa cartellonistica di informazione agli utenti circa le norme di comportamento e il numero massimo di persone ammesse a bordo, l’assenza di distanziatori posti sui sedili e di erogatori di gel disinfettante o il loro mancato funzionamento. 

Sanzioni e deferimenti ai responsabili

Complessivamente sono stati deferiti alle competenti Autorità giudiziarie 4 responsabili di aziende di trasporto, per non aver predisposto le procedure di sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro a favore degli operatori. Inoltre sono stati sanzionati ancora 62 responsabili per irregolarità amministrative, irrogando sanzioni pecuniarie pari a circa 25 mila euro.

Il Governo pensa a tenere chiusi bar, ristoranti, cinema, teatri e palestre

A fronte dell'indagine dei Nas, dobbiamo dare ragione a tutti coloro che hanno espresso perplessità, per usare un eufemismo, riguardo l'operato del Governo, che continua a tenere blindate le serrande di locali, palestre cinema e teatri che non sono veicolo principale del virus. Sembra, infatti, che la scelta di chiudere per esempio bar e ristoranti, sia frutto del desiderio del Governo di "far vedere che si sta facendo qualcosa" per risolvere la pandemia. Anche se, per il momento, l'unico risultato sarà quello di portare al fallimento decine, se non centinaia di attività.

"È un anno che chiudiamo le palestre, i ristoranti, i bar, i teatri, le piscine, le scuole di danza ma il virus continua a circolare: è inutile chiudere queste attività senza risolvere il problema dell’affollamento dei mezzi pubblici", aveva detto solo qualche giorno prima la leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni. "Nonostante tutto, si preferisce continuare con le scelte del Governo Conte che non hanno portato a nulla".
 

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

iGdI TV

Articoli Recenti

Più visti