Domenica, 26 Giugno 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Smi, l’industria del fashion perde il 5,4% sul 2019

23 Maggio 2022

La Camera nazionale della Moda italiana accelera su inclusione e diversità con “Including diversity talk”

Il tessile-abbigliamento è sempre più vicino ai numeri pre-pandemia, il report dello Smi testimonia la crescita in doppia cifra nel primo trimestre del settore.

Nel primo trimestre del 2022, l’83% delle aziende della moda mostra una dinamica positiva delle vendite con una crescita media del fatturato pari al 22,7% rispetto allo stesso periodo del 2021, più vivace rispetto alle stime di febbraio (+16,6%).

Anche tra aprile e giugno di quest’anno, tra gli imprenditori, è atteso un incremento medio delle vendite, nell’ordine del 16,3%. “Il trend”, spiega la Federazione, “si mantiene positivo ma sperimenta un’attenuazione rispetto ai recuperi dei trimestri precedenti”, anche alla luce “delle incertezze legate al deterioramento dello scenario internazionale gravato dal conflitto russo-ucraino”.

Secondo l’indagine, l’87% delle imprese non ha ridotto la produzione a seguito dell’incremento dei costi e delle difficoltà di approvvigionamento. Indagando il sentiment delle aziende del tessile e abbigliamento da qui a giugno, il 57% confida in una stabilità delle condizioni di mercato rispetto a gennaio. Cresce però la percentuale di coloro i quali temono che la congiuntura settoriale possa peggiorare: oggi è il 32% contro il 21% della rilevazione di gennaio scorso.

Il settore, scrive MontenapoDaily, ha chiuso il 2021 con fatturato in crescita del 18,4% a 52,9 miliardi, dopo il tonfo del 2020 (-20%). Ma rispetto ai livelli pre-covid del 2019 le vendite complessive restano ancora al di sotto del -5,4%. L’export lo scorso anno è cresciuto del 18%, poco al di sopra dei 32,4 miliardi, con un divario di 422,5 milioni sul 2021 (-1,3%). Nei primi due mesi del 2022 il commercio con l’estero evidenzia una crescita del 15,9% a 5,3 miliardi, rispetto a gennaio-febbraio 2021, che era ancora caratterizzato da pesanti contrazioni.

“Nel 2021 il settore si è ripreso, guadagnando la maggior parte di quanto si era perso nel 2020. Mancano circa 3 miliardi per ritornare ai valori pre-covid”, ha chiosato il presidente Smi, Sergio Tamborini, aggiungendo che “i risultati del primo bimestre 2022 confermano il trend di ripresa, ma ci sono complessità da gestire che, da un lato, lasciano dubbiosi, dall’altro, speranzosi”.

 
 

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x