Giovedì, 26 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Il gala firmato Dior al Teatro La Fenice conclude la mondana settimana a Venezia

Attrici, nobiltà e personaggi da copertina presenziano all'ultimo evento in Laguna per l'apertura della Biennale Arte

Di Massimo De Angelis

24 Aprile 2022

Il gala firmato Dior al Teatro La Fenice conclude la mondana settimana a Venezia

Si è chiusa da poche ora la settimana più mondana dell’anno in Laguna, in corrispondenza ai giorni di vernissage per l’apertura dell’attesa Biennale Arte nelle location dei Giardini e Arsenale. Palazzi storici, residenze affrescate, saloni di alberghi stellati, celebri musei hanno ospitato nelle ultime ore numerosi appuntamenti chic, che hanno richiamato personaggi vip da ogni continente. Tra i protagonisti della manifestazione culturale diverse griffe di moda, in un mix di mecenatismo e spot pubblicitario con la cartolina di San Marco o del Ponte di Rialto sullo sfondo. La partecipazione con maggior risonanza nel nostro Paese è quella della maison Valentino, main sponsor del Padiglione Italia, mentre il marchio Burberry ha siglato una partnership con il British Council per sostenere, anche finanziariamente, lo spazio dedicato al Regno Unito, risultato poi vincitore del Leone d’oro. Non poteva mancare una forte presenza francese, e dopo i quattro eventi esclusivi organizzati da Louis Vuitton, è toccato al marchio parigino Dior chiudere in bellezza con una serata ad alto tasso di glamour nella scenografica cornice del Teatro La Fenice. Un dinner gala, in sinergia con l’associazione internazionale no profit Venetian Heritage, frequentato dalla nobiltà locale e straniera, da noti personaggi fashion, imprenditori, uomini di finanza, famose modelle e attrici del grande schermo. Da segnalare le stelle del cinema Catherine Deneuve, Laetitia Casta, Maya Hawke, Rosamund Pike, la stilista Maria Grazia Chiuri, la coppia principesca Beatrice e Pierre Casiraghi, la socialité Bianca Brandolini d’Adda, il designer Peter Marino e il manager Pietro Beccari. Partenza al calar del tramonto con un cocktail, accompagnato da sonorità classica, per passare poi a una cena seduta e concludere sulle noti di un concerto musicale, tra gli applausi degli eleganti ospiti, vestiti rigorosamente in smoking o abito lungo …..    

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x