Venerdì, 27 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Courmayeur apre la stagione invernale 2021-2022: gli eventi da non perdere

Courmayeur dà il via alla stagione 2021-2022 proponendo numerosi eventi e attrazioni per permettere ai turisti di vivere a pieno la località e la sua tradizione

27 Dicembre 2021

Courmayeur apre la stagione invernale 2021-2022

Courmayeur è di nuovo pronta ad accogliere tutti gli appassionati della neve: la skiarea riapre ufficialmente il 27 novembre, e torna a proporre sui versanti assolati dello Chécrouit e della Val Veny 33 piste con diversi gradi di difficoltà e percorsi in fuoripista. La Funivia Courmayeur rimarrà aperta tutte le sere fino a mezzanotte per permettere agli amanti dell’after ski di trattenersi in quota.

Courmayeur, gli impianti riaprono in sicurezza. Biglietti acquistabili online

In questi mesi di chiusura Courmayeur Mont Blanc Funivie ha fortemente investito nel rinnovamento dell’impianto di innevamento, la principale novità dell’anno, e con gli interventi di manutenzione e miglioramento di piste e impianti gli sciatori troveranno impianti sicuri.

Quest’anno sarà più facile acquistare on line i biglietti grazie alla nuova piattaforma di vendita, sul sito o tramite app. Lo skipass si ritirerà alle casse automatiche alla partenza degli impianti di Courmayeur, Dolonne e Val Veny mentre per chi vuole lanciarsi subito sulle piste è possibile usufruire del servizio di teleskipass, che consente di accedere direttamente agli impianti di risalita di tutti i comprensori sciistici della Valle d’Aosta senza passare in biglietteria. A fine giornata, in automatico, verrà addebitato via carta di credito il corrispettivo dovuto e relativo alla stazione prescelta ed al tipo di tariffa selezionato. In tutto il comprensorio, come prevedono le norme di sicurezza vigenti, le cabine saranno utilizzate all’80% della loro capienza, e saranno accessibili presentando il green pass. Le tariffe aggiornate – skipass giornaliero adulto a partire da 51 euro – si possono trovare al seguente link: https://www.courmayeur-montblanc.com/?q=tariffe_giornalieri

Riapre lo Skyway Monte Bianco

Dal 26 novembre al 10 aprile riaprirà anche Skyway Monte Bianco, che collega Courmayeur a Punta Helbroner (3.466 m), sul Monte Bianco: un’esperienza di viaggio imperdibile, anche grazie alle cabine circolari e trasparenti che ruotano a 360° durante il tragitto per mostrare un panorama sempre diverso. All’interno delle due stazioni, il Pavillon e Punta Helbronner, si trovano ristoranti dove assaporare i piatti della tradizione, bar, aree espositive e perfino la cantina con laboratorio di spumantizzazione più alta d’Europa. Si potrà fare un “ultimo passo verso il cielo” – questo è il nome della nuova struttura sulla terrazza circolare di Punta Helbronner – per salire un po’ più in alto e sentirsi ancora più vicini al cielo e alle montagne.

Courmayeur 2022: gli eventi gourmet in quota

Le cene in quota nelle baite al cospetto del Monte Bianco sono un’esperienza indimenticabile e creano l’occasione giusta per scoprire una delle novità del 2021 come il nuovo Cadran Solaire, riaperto quest’estate dalla famiglia Garin.

Tra le alternative si posiziona il nuovo Ravì – Laboratorio Alimentare in via Regionale, che propone materie prime locali e ricette della tradizione rivisitate. Per l'aperitivo serale, invece, tra le novità dell’anno da provare il Goù, un nuovo Wine & Coffee Bar nel cuore del centro storico.

Tra le riaperture della stagione anche lo storico Rifugio Monte Bianco, in Val Veny a 1700 metri d’altezza, punto di riferimento per gli alpinisti, gli sciatori, e gli amanti del cibo e della vita ad alta quota.

Non mancheranno gli eventi, come l’appuntamento food diffuso che a marzo porterà sulle piste tutto il gusto di Courmayeur che si svilupperà a partire dall’esperienza del Mountain Gourmet Ski Experience, un appuntamento annuale ideato da Heston Blumenthal and Momentum Ski.

I percorsi migliori della Val Ferret

I fondisti che vogliono seguire i percorsi che si snodano lungo la Val Ferret possono partire dal villaggio di Planpincieux, raggiungibile in navetta: qui si trovano bar, ristoranti, noleggio sci e servizi di assistenza e sciolinatura.

Le piste si estendono per oltre 20 Km e un classico punto di arrivo è la località di Lavachey, ma i più allenati possono avventurarsi fino all’Arnouva. Alla fine del percorso un meritato premio: si pranza davanti alla vista delle Grande Jorasses, del Monte Bianco e dei ghiacciai che si affacciano sulla vallata.

All’imbocco della Val Ferret, in località Planpincieux, ci si può fermare al ristorante “La Clotze che propone una cucina della tradizione in chiave moderna e alla Locanda Belvedere.

Tra gli indirizzi da segnare in agenda anche il Ristorante Lavachey, per gustare le ricette tradizionali e in particolare la polenta in tutte le sue versioni. Tra le opzioni anche lo Chalet Mont Dolent, tipica baita di montagna con dehors soleggiato che offre piatti tipici della cucina valdostana.

A Planpincieux troviamo invece Chalet Proment che propone i classici della cucina valdostana, come la zuppa Valpelenentse, la pierrade, la polenta e gli gnocchi alla fonduta e insieme al ristorante Miravalle.

Camminate sulla neve e nel centro storico di Courmayeur: i percorsi più suggestivi

Tra i percorsi più suggestivi ci sono gli itinerari attraverso i villaggi di Courmayeur da percorrere a piedi. Il più lungo è il Tor di Vercuino, 4 km e 250 metri di dislivello, meno impegnativo è il Tor d’Entrèves, 1,5 km e 100 metri di dislivello. Il Tor de Dolonne è il percorso adatto a tutti, anche ai bambini, 500 metri, 50 di dislivello.

Alcuni degli itinerari portano ai rifugi in quota, come il Bonatti e il Bertone, di fronte all’Aiguille des Glaciers, alle Creste di Rochefort, alle Grandes Jorasses. Interessante anche l’anello dell’Ermitage, una panoramica escursione sulle alture che attraversa boschi e villaggi dall’architettura tradizionale, come La Suche e Tirecorne, offrendo una vista mozzafiato su tutta la catena del Monte Bianco

Tra i percorsi consigliati anche il nuovo TOR Culture, un itinerario ad anello che parte dal Municipio e conduce lungo le vie del centro, per portare alla scoperta del centro del paese.

Snowbike, fatbike, e-fatbike

MBAventure in Val Ferret propone “escursioni a pedali” con partenza da Località Planpincieux. Inoltre, dopo il tramonto si illumina il percorso con le pile frontali: da Planpincieux si segue il corso della Dora fino a Lavachey dove approfittare per una cena o una sosta golosa.

Outdoor Nights e lo smart working a Courmayeur

La sera sarà possibile lasciarsi trasportare attraverso osservazioni guidate delle stelle, passeggiate in quota, ciaspolate con le pile frontali e immersioni nella magia e nel silenzio.

Inoltre, grazie all’eccellente connessione wi-fi offerta dagli alberghi dalle strutture di Courmayeur si può lavorare con vista sulle vette e natura incontaminata.

Tante le possibilità offerte: lo chalet esterno dell’Auberge de la Maison dove ritirarsi in solitaria, le smart working room complete di ufficio, stampante privata, coffee station. La novità dell’inverno è però la scrivania firmata LAGO a più di 2000 metri di quota, proposta da Skyway Monte Bianco nella stazione intermedia del Pavillon: una vera e propria “work station” con vista sul Monte Bianco, disponibile su prenotazione dalle 9 alle 15.

Lymph Foundation propone attività accessibili a persone con disabilità motoria

La Lymph Foundation propone numerose opportunità di divertimento e sport per le persone con disabilità motoria: in Val Veny i maestri delle scuole di sci sono stati appositamente formati per dare lezioni di sci alpino, mentre in Val Ferret si può praticare lo sci nordico. Il progetto sci è gestito in collaborazione con Lymph Foundation dalla polisportiva Ecole du Sport, affiliata a Special Olympics, alla FISIP (Federazione Italiana Sport Invernali Paralimpici) e alla FISDIR (Federazione Italiana Sport Di[1]sabili Intellettivi e Relazionali)

Una delle particolarità del contesto valdostano è che esistono davvero molti tipi di supporto meccanico: il GSM, (Gostoli Marc System), che consente ad un individuo con una grave disabilità, come la tetraplegia, di sciare in modo attivo, il Trotti Ski, dotato di una particolare stampella, il BASS (Borney Adapted Snowboard System), lo snowboard inventato dal maestro di sci di Courmayeur Andrea Borney. La “Luge pour tous”, ancora un’invenzione del maestro Borney: uno slittino da sci nordico stampato in 3D, modulabile secondo le esigenze dell’utilizzatore.

Eventi a Courmayeur: Rhémy de Noël, San Valentino, Courmayeur Design week-end

Il 24 dicembre i bambini di Courmayeur aspettano con trepidazione Rhémy de Noël, il protagonista di una leggenda che affonda le sue radici nel legame che unisce la cittadina al Monte Bianco, che scende a valle la vigilia di Natale per consegnare doni ai bambini che hanno acceso una lanterna per indicargli la strada verso le case. Ogni anno, giungono in paese centinaia di letterine per Rhémy, che risponde meticolosamente a tutti.

San Valentino è il patrono invernale della località: il 14 febbraio il primo raggio di sole di primavera oltrepassa le montagne e illumina il paese ed è l’occasione giusta per immergersi nell’atmosfera locale. La musica della Banda Musicale di Courmayeur-La Salle e i balli tradizionali del gruppo Les Badochys trasformano la festa degli innamorati in un evento originale.

Dal 17 al 20 febbraio torna il week-end dedicato al design e all’architettura: dopo il successo dell’edizione del 2020 Courmayeur Design Week-end riporta in quota prodotti, oggetti, visioni del futuro. Ideata dall’architetto Paola Silva Coronel e organizzata in collaborazione con Courmayeur Mont Blanc, l’edizione prevede tanti allestimenti che saranno al centro di una mostra diffusa. Non mancheranno talk, esposizioni, perfino sfide sportive, appuntamenti di un fitto programma che coinvolge architetti, designer, studi di progettazione e li mette in relazione con luoghi e brand iconici del Monte Bianco e di Courmayeur.

Le aziende saranno coinvolte anche nello spazio espositivo all’interno della Sala Polivalente del Courmayeur Sport Center con arredi dedicati alla montagna, e le loro produzioni dialogheranno con quelle di alcuni artigiani locali. Il Museo del Duca degli Abruzzi, dedicato alla storia dell’alpinismo, ospiterà un allestimento dedicato ai prodotti che negli anni hanno saputo coniugare al meglio sport e design. Spazio anche ai giovani talenti a cui sarà dedicato un intero percorso espositivo. C’è già grande attesa, infine, per il nome dell’architetto che raccoglierà il testimone di Michele De Lucchi come protagonista della conferenza più alta d’Europa.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x