Venerdì, 30 Luglio 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Ddl Alessandro Zan: chi è, partner, curriculum

Oggi il Decreto legge contro l'omotrasfobia. Chi è l'uomo che ha promosso la legge che sta facendo discutere l'Italia

13 Luglio 2021

Ddl Alessandro Zan: chi è, partner, curriculum

Fonte: lapresse.it

Alessandro Zan, deputato e attivista della comunità Lgbtq+, è l'uomo che sta facendo discutere tutta Italia con il suo Ddl contro l'omotransfobia. Scopriamo qualcosa di più su di lui e sul suo percorso in politica, passando dalla vita privata e dalle esperienze in Parlamento.

Il Ddl Zan arriva in Senato oggi nella giornata di martedì 13 luglio, e verrà discusso intorno alle 16:30. Ancora incerto l'esito, tra numeri ancora in bilico e chi potrebbe cambiare idea all'ultimo minuto. Secondo indiscrezioni, c'è il rischio anche del rinvio, e quindi di non discutere affatto la legge ma di rimandare ancora di qualche giorno in attesa di chiarezza tra le fazioni.

Ddl Alessandro Zan: chi è, partner, curriculum

Zan è un esponente padovano del Pd che, in qualità di relatore del provvedimento alla Camera (dove è già stato approvato, mentre ora è impantanato al Senato), ha finito per identificare il disegno di legge con il suo nome. In passato Alessandro Zan ha fatto parte dell'amministrazione comunale nel consiglio del sindaco Flavio Zanonato. Molti colleghi lo ricordano soprattutto per aver promosso e ottenuto, alla fine del 2006, l'istituzione del primo Registro italiano delle coppie di fatto aperto anche alle coppie omosessuali. 

Già anni prima, nel 2002, Zan era stato in prima fila nell'organizzazione del Gay Pride nazionale di Padova. Classe 1973, laureato in ingegneria delle telecomunicazioni. Ha posto in Parlamento dal 2013, prima per Sel e poi per il Partito democratico. I suoi colleghi alla Camera lo descrivono come un gran lavoratore, attento ed empatico verso gli altri. Da qualche anno porta sempre la barba. 

Ddl Alessandro Zan: vita privata

In un'intervista, Zan aveva raccontato la sua esperienza con l'omofobia da giovane: "Sono stato fortunato, nessuna violenza fisica pesante, come accade ancora troppo spesso oggi. Ma ho ricevuto spesso battute, battute omofobe, qualche danno alla bicicletta. Devo anche ammettere che la mia mente le aveva tolte, poi, in questi mesi, ascoltando tante storie di discriminazione, anch'io ho ripercorso quegli anni e mi sono soffermato su quello che mi era successo". Nello stesso intervento raccontava anche la sua personale 'illuminazione', che lo ha spinto verso la politica: "È accaduto durante l'Erasmus in Inghilterra. Quei mesi mi hanno fatto capire che la società italiana era, ed è, ancora fortemente maschilista e patriarcale, mentre l'esperienza vissuta in Gran Bretagna mi ha fatto capire che un'alternativa è possibile. Una volta tornato, ho iniziato la mia militanza".

Sul presente del politico padovano invece sono poche le informazioni. Alessandro Zan preferisce mantenere un profilo basso quando si tratta di vita privata. Anche sui suoi canali social, in particolare Instagram dove pubblica foto e video con l'account @alessandro.zan, non trapelano molte immagini delle sua vita personale. A prevalere, la militanza politica che in questi giorni sta infiammando il dibattito in Aula.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x