Mercoledì, 25 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Theodora: torna il Pic-nic della Fondazione per sostenere la ripresa delle visite dei Dottor Sogni ai bambini negli ospedali

Sorrisi e aiuto per i bambini in ospedale al Pic-nic di Theodora. Emanuela Basso Petrino, Consigliere Delegato della Fondazione: "Ci siamo ritrovati per vivere un momento di gioia insieme, ma con l’obiettivo di garantire continuità al nostro impegno. Vogliamo dare un segnale positivo perché i fondi raccolti ci permetteranno di sostenere le visite in presenza dei Dottor Sogni ai bambini ricoverati negli ospedali milanesi in cui la Fondazione opera"

09 Maggio 2022

Oltre 500 ospiti e tanti sorrisi, allegria, bolle di sapone e voglia di stare insieme e ritrovarsi. Sabato 7 maggio 2022, presso i Giardini di Villa Reale a Milano, è tornato l’appuntamento con il “Pic-nic di Theodora”, lo storico evento benefico dedicato alle famiglie di Fondazione Theodora.

Obiettivo dell’evento sostenere la ripresa delle visite in presenza dei Dottor Sogni ai bambini ricoverati negli ospedali milanesi in cui la Fondazione opera: Istituto Nazionale dei Tumori, Ospedale dei Bambini V. Buzzi, Istituto Neurologico Besta e IRCCS Policlinico San Donato.

Tante famiglie hanno partecipato al Pic-nic: colori, laboratori, gelato, bolle di sapone ma soprattutto la volontà di essere al fianco di Fondazione Theodora per portare gioco, ascolto evasione ai bambini ricoverati in ospedale con le speciali visite personalizzate dei Dottor Sogni.

Fondazione Theodora: sorrisi, allegria e voglia di stare insieme per riprendere le visite in presenza dei Dottor Sogni

I Dottor Sogni, protagonisti anche al Pic-nic di Theodora, sono artisti professionisti, assunti e specificamente formati dalla Fondazione per operare in reparti pediatrici di alta complessità in sinergia con il personale ospedaliero, nell’ambito di un processo di cura integrato del piccolo paziente. L’intervento di Theodora rientra infatti in un processo di cura integrato del paziente, di medicina integrata che considera il paziente come essere umano nella sua totalità.

Emanuela Basso Petrino, Consigliere Delegato di Fondazione Theodora Onlus, afferma: “Questa edizione del Pic-nic di Theodora è stata speciale per molti motivi. Innanzitutto, perché siamo tornati in presenza a incontrare le famiglie in quello che è un appuntamento che segna la nostra storia. Crediamo sia anche un bel segnale per la città: ci siamo ritrovati per vivere un momento di gioia insieme ma con l’obiettivo di garantire continuità al nostro impegno di essere al fianco dei bambini in ospedale. Vogliamo dare un segnale positivo perché i fondi raccolti ci permetteranno di sostenere le visite in presenza dei Dottor Sogni ai bambini ricoverati negli ospedali milanesi in cui la Fondazione opera. Non ci siamo arresi nemmeno nei mesi più difficili della pandemia, durante i quali abbiamo messo in campo nuove energie, nuove progettualità e creatività, seguendo quel modello di qualità che è un punto di riferimento per chi opera nel sostegno alla cura dei bambini in ospedale. Per questo ringraziamo tutti gli amici di Theodora e le Aziende Amiche per essere state al nostro fianco”.

Il “Pic-nic di Theodora” a Milano è patrocinato dal Comune di Milano e reso possibile grazie al prezioso sostegno di Cova Montenapoleone, Molteni&C, Vitra, Albinati Aviation, Fineco, Image Regenerative Clinic, La Stanza dei Vestiti, Riso Gallo, Crema Alta Gelateria, Riso Buono e all’insostituibile collaborazione di Aquiluna, Brandart, Caffè Musetti, Coccinelle, Crazy Balloons, Edicart Style, Ferrarelle Società Benefit, Fujifilm, Gallo, Geomag, Kikolle Lab, My Style Bags, My Style Home, Pelledoca, RamaYoga, Stefano Guindani Photo e ai media partner 7, iO Donna, Corriere della Sera, La Gazzetta dello Sport.

Emanuela Basso Petrino (Fondazione Theodora): “Ricominciamo con il sostegno ai bambini in ospedale, il nostro obiettivo da 27 anni”

VIDEO - Emanuela Basso Petrino (Fondazione Theodora): “Ricominciamo con il sostegno ai bambini in ospedale, il nostro obiettivo da 27 anni”

Emanuela Basso Petrino, Consigliere Delegato di Fondazione Theodora a Il Giornale d’Italia

“Questa è l’undicesima edizione del pic nic Teodora Milano quasi simbolica perché dopo due anni di pandemia, la guerra che non ci ha quasi permesso di gioire per le riaperture ed essere qui per noi oggi rappresenta un momento molto importante perché il pic nic di Theodora nasce con l’obiettivo di sostenere i bambini in ospedale e quindi garantire loro le visite dei dottor Sogni. La pandemia ha insegnato a tutti noi cosa significa stare isolati, stare da soli, la sofferenza e l’isolamento che noi abbiamo scontato nelle nostre case è stato vissuto in modo ancora più drammatico dai bambini ricoverati in ospedale.”

“Purtroppo la pandemia non ha sospeso la malattia dei bambini e durante il ricovero non potevano più ricevere le visite dei propri genitori, la scuola in ospedale e le visite dei dottor Sogni. Quel momento di evasione, di magia fa tornare i pazienti ad essere solo bambini non c’era più, oggi che stiamo tornando in presenza negli ospedali è un ritorno a casa, ci accolgono a braccia aperte i medici e gli infermieri che durante l’isolamento hanno sopperito con le loro capacità, anche al sostegno delle emozioni dei bambini. Oggi i dottor Sogni hanno ripreso l’attività di sostegno la loro attività di sostegno delle emozioni ai bambini in ospedale.

“Noi da 27 anni tutti i giorni su base settimanale, nei 42 reparti dove siamo presenti in tutta Italia, portiamo questo momento di magia ai bambini. Come se virtualmente aprissimo le porte della loro stanza e li facessimo uscire dalla loro dimensione di bambini malati per dare un momento di sollievo anche ai genitori che vivono insieme al figlio il dramma della malattia e i lunghi ricoveri in ospedale. Quindi questo è un momento gioioso e di festa che regaliamo alle famiglie e agli amici e sostenitori di Theodora, grazie a tutti i partner che ci sostengono e ci permettono di realizzare questo evento, raccogliamo fondi per gli ospedali milanesi.”

“Con il pic nic di Milano abbiamo scelto di sostenere solo gli ospedali del territorio per mantenere filiera breve tra donatore e beneficiario della donazione. Noi siamo presenti dal 1995 all’Istituto dei Tumori di Milano nel reparto di oncologia pediatrica, nell’Ospedale Vittore Buzzi dei bambini, all’ IRCCS Policlinico San Donato milanese in cadiologia e all’Istituto Besta di Milano. Sono realtà e poli di riferimento non solo per la città, per la regione ma per tutto il territorio italiano, così tutti i bimbi che sono ricoverati in questi ospedali possono beneficiare delle visite dei nostri dottor Sogni. Allo stesso modo ci auguriamo di poter ripatire con gli eventi anche nelle altre città dove Theodora è presente, speriamo di poter tenere il pic nic anche a Roma dove da diversi anni contribuiamo a continuare il lavoro anche sul territorio romano."

"C’è un grande desiderio di ritrovarsi tra amici, fare del bene perché questi eventi drammatici che hanno riguardato tutti noi, la pandemia e la guerra, io credo che abbiamo in qualche modo sollecitato la parte buona di ciascuno di noi e aiutato anche chi è meno sensibile a far venire fuori questa parte buona. Credo molto nel circolo virtuoso del bene, il pc nic di Theodora possiamo realizzarlo grazie al Comitato di Milano, allo steff della Fondazione, a tutti i volontari e ai partner che oggi partecipano e sostengono l’iniziativa e oi i nostri dottor Sogni che ritornano negli ospedali.”

Ferrero Ventimiglia (Theodora Milano): “Capiamo il momento di difficoltà, ma con poco si possono fare grandi cose”

VIDEO - Ferrero Ventimiglia (Theodora Milano): “Capiamo il momento di difficoltà, ma con poco si possono fare grandi cose”

Alcune delle rappresentanti del Comitato Theodora Milano raccontano a Il Giornale d’Italia il lavoro della Fondazione oggi:

 “Il messaggio è sempre quello di aiuto ai bambini, ne hanno bisogno soprattutto dopo questo periodo di lockdown in cui per due anni non abbiamo potuto fare nulla, ma li abbiamo sostenuti ugualmente ma dobbiamo far venere che ci siamo sempre. Ci occupiamo sempre di più reparti e più ospedali. Abbiamo iniziato con poco, con il pic-nic dove venivano amici che credevano in noi e successivamente si amo riusciti a farlo anche a Roma, a Torino con sempre più adesione, è stato bello vedere quanta gente potesse credere in questo evento” afferma Giovanna Ferrero Ventimiglia a Il Giornale d’Italia. “Non è facile chiedere fondi oggi perché chiamiamo il momento di difficoltà della famiglie però non bisogna dimenticarsi che i bambini entrano comunque in ospedale perché stanno male, però chiedendo poco a tutti si riesce a fare grandi cose.”

“Il nostro aiuto ai bambini in questi anni si è evoluto con sempre più attenzione e impegno da parte dei nostro clown con tanta formazione perché dietro comunque dietro al divertimento che viene regalato ai bambini in ospedale c’è comunque una lunga e importante formazione dei nostro clown. Siamo riusciti a creare degli eventi collaterali, delle cene, che ci hanno aiutato a raccogliere sempre più fondi per i nostri bambini.” dichiara a Il Giornale d'Italia Maria Vittoria Caovilla.

“Quello di quest’anno è un augurio di buona estate e di ripartenza per tutti, speriamo che questo sia l’inizio per un futuro più roseo, visto che gli ultimi anni ci hanno messo molto alla prova.” conclude Lodovica Falcone a il microfono de Il Giornale d'Italia.

Dottor Sogni: “Un’emozione rientrare in ospedale, cerchiamo di capire i bisogni dei bambini”

VIDEO - Dottor Sogni: “Un’emozione rientrare in ospedale, cerchiamo di capire i bisogni dei bambini”

Michele Cafaggi “Dottor Clooney” a Il Giornale d’Italia: “Un’emozione grande rientrare in ospedale davvero, ci è mancato in questi due anni di blocco, è stato bello. Cerchiamo di capire di cosa c’è bisogno quel giorno e cosa possiamo offrire noi, cerchiamo poi nel nostro bagaglio le cose migliori da proporre per quel momento, non è solo esplodere di gioia quindi ma siamo pronti anche ad altro. In questo periodo di pausa è stato un periodo anche di ricarica, di riflessione e ripartire ricaricati è la cosa migliore che si possa fare.”

“Ai bambini portiamo l’idea di poter passare insieme dei momenti di divertimento, di diversità all’interno del reparto che non è la solita routine dell’ospedale con le visite e cerchiamo di tornare alla “normalità”- afferma Marco Clerici “Dottor soap opera" a Il Giornale d’Italia- “Noi entriamo negli ospedali, chiedendo permesso e con i bambini abbiamo un rapporto diretto uno a uno, con loro e le loro famiglie

 “Adesso c’è più consapevolezza da parte nostra che non è solo un far ridere, per quanto siamo molto importante- Piergiorgio Vimercati “Dottor Garibaldi” a Il Giornale d’Italia, ma anche rapportarsi con quello che c’è, portando leggerezza e normalità nei limiti del possibile, per un bambino che in ospedale sicuramente non può vivere come farebbe a casa.”

Theodora, maggio 2022: tutti gli appuntamenti con la solidarietà della Fondazione

Ma il 7 maggio è stato anche il giorno dei “sorrisi al buio” per Fondazione Theodora, Charity Partner della prima edizione del Reale Mutua Monza Night Trail: 10,2 chilometri e oltre mille partecipanti per un soft trail nei Giardini della Villa Reale e del Parco di Monza, luoghi sempre inaccessibili la sera.

Gli appuntamenti con la solidarietà e Fondazione Theodora non sono conclusi. Il prossimo 25 maggio si terrà a Roma il Cocktail Dinner Party con intrattenimento e musica, nella prestigiosa location di Villa Spalletti Trivelli. Info e iscrizioni qui https://www.retedeldono.it/it/progetti/fondazione-theodora-onlus/theodora-cocktail-dinnerparty-roma

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x